Caselle e Mappano: un bando per creare un albo fornitori con fini sociali e solidali


L’avviso pubblico è aperto a muratori, imbianchini, elettricisti, fabbri, idraulici iscritti regolarmente alla Camera di Commercio e che hanno sede o residenza nei due comuni. Le domande vanno presentate entro il 30 settembre.

Caselle/Mappano – Nell’ambito del progetto “Il senso di comunità dentro e fuori casa”, promosso dall’Agenzia di Sviluppo Territoriale Sinapsi e sostenuto dalla Compagnia di San Paolo, Programma Housing, dal Comune di Caselle e dal Consorzio Intercomunale di Mappano (CIM), è anche prevista la realizzazione di alcuni lavori di piccola manutenzione e migliorie all’interno di abitazioni private, ubicate sul territorio dei comuni di Caselle e Mappano. ai quali le famiglie possono usufruire, a proprie spese, a prezzi concordati e solidali. Le opere in oggetto dovranno essere eseguite da professionisti del settore, da valutare con l’associazione e i privati cittadino che necessita della prestazione d’opera e che comunque vivono in caseggiati di tipo popolare o residenziale non di lusso. Il fine è aumentare la qualità abitativa delle persone, stringere patti di mutuo aiuto e fiscalmente comprovati.

A tal fine è aperto un Avviso Pubblico tra gli artigiani e professionisti che hanno sede o residenza sul territorio dei comuni di Caselle e di Mappano per la creazione di un Albo Fornitori disposti ad eseguire questi lavori a tariffe calmierate. In particolare si richiedono le seguenti qualifiche: muratori, imbianchini, elettricisti, fabbri, idraulici. Chi fosse interessato a far parte dell’albo deve presentare entro le ore 12 del 30 settembre 2017 una domanda di iscrizione in carta semplice, contenente nome, cognome, ragione sociale, qualifica, documento di iscrizione Camera di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura, elenco di titoli di studio e professionali in possesso da far pervenire all’associazione Sinapsi all’indirizzo mail info@associazionesinapsi.org. Per ulteriori informazioni: 373.74.59.130.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio