Cirié sicura, un progetto per contrastare la vendita e il consumo di droghe nelle scuole


La città dei D’Oria, in attuazione del piano d’azione regionale, ha vinto un bando che assegna i finanziamenti previsti dal Ministero dell’Interno. Interventi educativi nelle scuole, ma anche repressivi su tutto il territorio.

SULLASCIA.NET NUMERO DI GENNAIO LEGGI IL GIORNALE SCARICA IL GIORNALE

dalla Redazione

Un finanziamento ricevuto dal Governo e mirato all’attuazione del progetto “Cirié sicura“, messo a punto dal Comando di Polizia Locale in collaborazione con il Servizio per le Dipendenze dell’ASL TO4 e in accordo con l’amministrazione comunale. Il piano si rivolge soprattutto ai giovani e in modo particolare agli allievi delle classi seconde e terze dei tre istituti di formazione presenti in città: l’Istituto di Istruzione Superiore Fermi Galilei, l’Istituto di Istruzione Superiore Tommaso D’Oria e il C.I.A.C. Formazione. In totale 25 classi che seguiranno due incontri di un’ora ciascuno, a partire da fine gennaio e fino a inizio maggio. Il progetto si compone di due fasi: una di tipo educativo e formativo, con le “lezioni” condotte
in aula dalla Polizia Locale, coadiuvata dal personale del SerD, e una di tipo repressivo, attuato sul territorio comunale nel suo complesso.

Lo scopo degli incontri in aula è principalmente quello di spiegare ai ragazzi i pericoli, gli effetti sul fisico e sul comportamento, i rischi e le sanzioni legati all’utilizzo delle droghe, leggere o pesanti che siano, e dell’alcol. Questi appuntamenti vogliono anche far percepire agli studenti la relazione con
le Forze dell’Ordine in termini positivi, dimostrando ai giovani la loro utilità quale strumento essenziale di tutela e di garanzia. La seconda parte di “Cirié sicura” prevede invece un’azione di vigilanza e di controllo sul territorio, soprattutto nelle zone a maggiore aggregazione e in occasione di manifestazioni serali, al fine di reprimere il consumo e la vendita di sostanze stupefacenti. La Polizia Locale sarà quindi impegnata nel dare un pronto riscontro alle segnalazioni nell’ambito del cosiddetto “controllo di vicinato”, esercitando anche un’azione di verifica nelle immediate vicinanze dei locali dove si effettua
somministrazione di bevande alcoliche. A corollario del progetto verranno anche pianificati controlli stradali che avranno come target il fenomeno della guida sotto l’effetto di alcol e sostanze stupefacenti.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio