Borgaro: maggioranza e opposizione unita nella Giornata del Ricordo


Una Corona d’alloro è stata posta davanti al cimitero comunale dal Sindaco Claudio Gambino, il capogruppo di maggioranza Beppe Ponchione, e i consiglieri di minoranza Marco Latella e Alessandro Carozza. Per ricordare una tragedia che non ha colore politico.

di
Giada Rapa

Borgaro – Tutte le anime del Consiglio Comunale si sono unite nella mattinata di ieri, lunedì 11 febbraio, per celebrare il Giorno del Ricordo, ricorrenza che non ha e non deve avere colore politico.

“Il dramma delle vittime delle Foibe e di tutti coloro che hanno dovuto abbandonare la propria terra è una realtà che si celebra dopo tanti anni di silenzio. Dobbiamo ricordare quella che è stata una vera e propria persecuzione di quelli che erano prima di tutti italiani, indipendentemente dalla loro origine. È stato un abominio contro l’umanità a lungo sottaciuto, ma ora si va sempre più nella direzione del riconoscimento, ed è giusto che sia così. Oggi siamo qui davanti a questa targa, apposta nel 2017 su iniziativa del Gruppo Latella: una mozione che ha trovato la condivisione di tutti, perché il ricordo non ha colori politici” ha commentato il Sindaco Claudio Gambino prima di chiedere un minuto di silenzio. Concorde con le parole del primo cittadino anche il consigliere di centro destra Marco Latella, che nel suo intervento ha anche ringraziato la Dirigente Scolastica Lucrezia Russo -presente alla commemorazione- per il suo impegno nel far rievocare questi fatti nelle giovani generazioni. “Spero che nel futuro l’amministrazione ampli questo consesso. È importante ricordare e soprattutto non dimenticare”.

Successivamente è stata apposta una corona di alloro dal Sindaco, dal Capogruppo di maggioranza Beppe Ponchione, dal consigliere Marco Latella e dal consigliere del Movimento 5 Stelle Alessandro Carozza. La cerimonia si è conclusa con il ricordo estremamente vivido ed emozionate di una cittadina originaria di Zara.


Commenti

commenti