FIA Motorsport Games: medaglia d’oro per Andrea Rosso in Formula 4


Il giovane pilota borgarese ha sorpassato a 12 minuti dal termine l’avversario israeliano Ido Cohen. Per la sua impresa ha ricevuto un riconoscimento anche da parte del Sindaco Claudio Gambino.

di Giada Rapa

Si è approcciato al mondo dei go-kart nel garage di famiglia, quando aveva poco meno di cinque anni. Oggi Andrea Rosso, sedicenne borgarese, può vantare una medaglia d’oro alla 1a edizione dei FIA Motorsport Games, l’Olimpiade dei Motori svoltasi a Vallelunga pochi giorni fa.

L’Italia si è aggiudicata un bronzo nella corsa virtuale grazie a Stefano Conte e, appunto, una medaglia d’oro in Formula 4 conquistata dal giovanissimo pilota borgarese. Proprio per questa sua impresa il ragazzo è stato ricevuto nell’ufficio del Sindaco Claudio Gambino nel tardo pomeriggio di giovedì 28 novembre, per ricevere un riconoscimento da parte dell’amministrazione comunale e dell’intera città di Borgaro. “Da qualche anno abbiamo introdotto questa tradizione di premiare i giovani borgaresi che, attraverso i propri successi sportivi, hanno portato lustro alla nostra città. Quello di oggi è sicuramente un riconoscimento per un’attività sportiva originale, perché l’automobilismo è sicuramente uno sport non comune, che molto spesso non viene considerata una disciplina sportiva. Ma ad accomunarlo a tutte le altre discipline c’è l’impegno dell’atleta e la capacità di coniugare la propria passione con l’attività scolastica. Sei un campione in erba e hai i numeri per andare avanti. Spero un giorno di poterti vedere in televisione: se non ci riuscirai sarà comunque una bellissima esperienza che hai vissuto, per affrontare la vita insieme a quello che oggi la scuola ti sta dando” ha espresso il primo cittadino rivolgendosi ad Andrea.

“Non è stata una stagione brillante dal punto di vista del Campionato, perciò spero che questa vittoria mi possa rilanciare l’anno prossimo. Ovviamente non trascuro la scuola, andare bene è la condizione per continuare a praticare questo sport. Prima viene la scuola, poi lo sport, ma spero vivamente di poter continuare con questa mia passione, perché è veramente ciò che mi piace fare e che vorrei fare nella vita” ha commentato Andrea, un po’ emozionato, ringraziando tutti i presenti per il riconoscimento ottenuto.


Commenti

commenti