Elezioni a Borgaro: salvo sorprese, saranno tre le liste in campo per comunali


Nella notte tra venerdì 3 e sabato 4 maggio, nella coalizione guidata da Cibrario Romanin si è consumata la scissione che ha portato Fratelli d’Italia a presentarsi da soli l’8 e il 9 giugno.

dalla Redazione

Manca ormai poco al termine ultimo di sabato 11 maggio, alle ore 12, per presentare le liste che concorreranno alle prossime elezioni comunali di sabato 8 e domenica 9 giugno. E a Borgaro sembra proprio che non ci si annoi e le sorprese sono sempre dietro l’angolo. Dopo le presentazioni annunciate e poi mai pubblicamente avvenute, di alcuni candidati sindaci, ecco che la coalizione Uniti per Cambiare Borgaro e Villaretto, guidata da Elisa Cibrario Romanin, si è divisa, portando i militanti iscritti a Fratelli d’Italia ad uscire dal gruppo e correre per conto loro con il simbolo del partito. Non tutti, però, visto che Cibrario Romanin, tesserata, non si è spostata dalla sua posizione. Un episodio che i due schieramenti stanno in queste ore tentando di spiegare a colpi di comunicati stampa.

Il gruppo Fratelli d’Italia di Borgaro

O meglio, sabato 4 maggio, è stata resa pubblica la nota di Fratelli d’Italia che annunciava la creazione di una loro lista monocolore guidata dalla candidata sindaca Cristiana Sciandra, consigliera comunale di minoranza uscente. “La squadra, al completo, – si legge – si candida quale reale e concreta alternativa rispetto alla maggioranza uscente e, nel far ciò, quali obiettivi prioritari l’attenzione alla gestione ordinaria del territorio (dal taglio del verde alla manutenzione delle strade, dall’abbattimento dei costi della tassa rifiuti, all’attenzione dei cittadini in se) come quella straordinaria (dal rifacimento del tetto del Palazzetto dello Sport, alla realizzazione di un nuovo campo sportivo, alla gestione del flusso veicolare dei mezzi pesanti”.

Il gruppo di Uniti per Cambiare Borgaro e Villaretto

Più nel merito della scissione la lista Uniti per Cambiare Borgaro e Villaretto, che sempre tramite comunicato afferma che “differenze ideologico-politiche sono venuti meno, da parte dei rappresentanti di Fratelli d’Italia Marco Latella e Cristiana Sciandra, i presupposti di collaborazione al progetto democratico che la lista si era prefissati, decidendo di intraprendere un percorso alternativo. Come già ampiamente chiarito, – continua lo scritto – il nostro è un progetto civico e in quanto tale non porta alcun simbolo e/o bandiera di partito e all’interno del nostro gruppo vi sono anime con sensibilità diverse volte ad un unico obiettivo: il bene del paese. La lista Uniti per Cambiare Borgaro e Villaretto, – termina la nota – oggi più che mai, sostiene con forza la candidata Sindaco Elisa Cibrario Romanin, l’unica donna nuova e credibile che può portare un vero cambiamento alla nostra città”.

Quindi, uno scenario nuovo, che potrebbe portare qualcuno, leggi la sezione locale del PD a rimettersi in gioco, visto che al momento, nonostante alcune affermazioni dei singoli, non è mai stata ufficializzata la posizione del partito a non partecipare alla competizione elettorale.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio