Elezioni comunali a Borgaro: sarà una corsa a due, nessuna lista per Pd e 5 Stelle


L’8 e il 9 giugno, la competizione per aggiudicarsi la poltrona da sindaco riguarderà solo Gambino e Cibrario Romanin. La consigliera pentastellata uscente Cinzia Tortola: “Non ci sono state le condizioni necessarie per essere presenti in questa particolare stagione elettorale”.

dalla Redazione

Sullascia.net numero digitale di aprile LEGGI IL GIORNALE / SCARICA IL GIORNALE

Che le sezioni locali del PD, al momento senza segretario dopo le dimissioni di Antonio La Luna, e del Movimento 5 Stelle fossero in difficoltà a formare una propria lista era evidente. E l’ufficialità che entrambi i partiti non si presenteranno alle prossime elezioni comunali borgaresi è arrivata alla fine della scorsa settimana. Prima i Dem, che attraverso il reggente Tommaso Villani hanno dichiarato la loro assenza alla tornata per dedicarsi alla ricostruzione del circolo, e poi i 5 Stelle, attraverso un comunicato stampa.

“Il M5S – si legge nella nota a firma della consigliera comunale uscente Cinzia Tortola – non parteciperà alle elezioni amministrative del prossimo giugno 2024. Con molto dispiacere dobbiamo prendere atto che non ci sono state le condizioni necessarie per essere presenti in questa particolare stagione elettorale. Non abbiamo voluto aggregarci, nonostante le ripetute richieste che ci sono state fatte,  all’unica lista (ad oggi) che si è presentata come antagonista dell’amministrazione uscente. Non crediamo nel loro programma e  alcune dei personaggi presenti in prima linea o dietro le quinte non sono a noi per nulla  graditi. Per noi vale sempre il principio della coerenza nei nostri valori. Siamo altrettanto distanti dalle posizioni ambigue e opportuniste che il PD borgarese ha voluto intraprendere”.

“Come M5S di Borgaro – prosegue Tortola – parteciperemo comunque alla campagna per le elezioni regionali ed europee e da semplici cittadini continueremo a esprimere, ove necessario, il nostro dissenso. Ringrazio personalmente i cittadini che mi hanno sostenuto in questi 10 anni di attività consigliare, è stata un’esperienza importante nella mia vita e mi sono dedicata con impegno e passione ai miei doveri istituzionali e continuerò comunque la mia attività politica come M5S perché credo fortemente nella partecipazione alla vita pubblica perché serve non essere indifferenti a ciò che accade, nel nostro comune, nella nostra regione e a livello nazionale”.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio