Grande Festa per la Protezione Civile di Caselle


Per tre giorni è stato allestito un Campo Base presso Prato Fiera, tra corsi di formazione e una prova tecnica con l’evacuazione di Borgata Francia, al fine di celebrare i 10 anni di fondazione della realtà di volontariato cittadina.

di Giada Rapa

Tre intense giornate, per celebrare un traguardo importante, ma allo stesso tempo coinvolgere e sensibilizzare la popolazione. Sono state queste le linee guida che hanno contraddistinto i festeggiamenti per i 10 anni della Protezione Civile di Caselle, che ha visto coinvolte molteplici realtà del Comune stesso, ma anche dei territori limitrofi e della Regione Piemonte. Le celebrazioni sono iniziate nel pomeriggio di venerdì 14 giugno, con il Prato Fiera trasformato in un Campo Base della Protezione Civile, con cucina d’emergenza e il presidio della Croce Rossa Italiana.

La giornata più intensa è sicuramente stata quella di sabato 15 giugno, iniziata fin dal primo mattino con la preparazione dell’evacuazione di Borgata Francia a causa di un’esondazione, ovviamente simulata. Dopo un’attenta analisi della situazione, il Sindaco Luca Baracco ha attivato alle ore 8.54 il C.O.C –Centro Operativo Comunale– e in conseguenza i volontari della Protezione Civile, insieme ai membri del C.O.M 13 –Centro Operativo Misto– hanno invitato i 104 residenti della Borgata ad abbandonare le proprie case per recarsi presso il Campo Base. Qui, dopo il censimento, sono stati loro offerti tè e biscotti. La simulazione ha anche riscontrato un disperso, ritrovato poco prima di mezzogiorno grazie ai cani del Gruppo Cinofilo dell’Associazione Polizia di Stato. Nel pomeriggio il Campo Base è stato aperto alla cittadinanza, con dimostrazioni e giochi per i più piccoli. Molto importanti anche i momenti formativi.

Domenica 16 giugno è invece stato il momento della sfilata per le vie della città, della Santa Messa e del saluto da parte delle autorità, sotto la nuova copertura del PalaTenda. Tanti gli interventi della mattinata, a cominciare da Pierluigi Bartelloni, che ha ripercorso brevemente la storia della Protezione Civile casellese, costituitasi anche grazie all’allora Sindaco Giuseppe Marsaglia e dall’attuale Luca Baracco, il quale ha sottolineato che questo non deve essere un punto di arrivo, ma solo un inizio. “Abbiamo deciso di puntare su un festeggiamento utile: utile per i volontari, utile per i cittadini, ma anche utile per il sottoscritto, che ha potuto testare la macchina organizzativa” ha commentato il primo cittadino, ringraziando in modo particolare l’assessore e volontario della Protezione Civile Giovanni Isabella, perché “senza il suo impegno quasi quotidiano forse non saremmo a questo punto”.

Durante la mattinata sono intervenuti anche Angelo Palumbo, funzionario dell’Area Volontariato della Protezione Civile della Regione Piemonte; Marco Marocco Vicesindaco della Città Metropolitana; Marco Fassero Referente del Coordinamento Regionale; i già citati Giuseppe Marsaglia e Giovanni Isabella. Quest’ultimo si è detto “orgoglioso di questi 10 anni passati veloci” ringraziando sia Marsaglia sia Baracco, sempre pronti a supportarlo.

 A seguire è stato dato un riconoscimento a tutti i 40 volontari della Protezione Civile di Caselle -con un’attenzione particolare a coloro che sono in servizio da 10 anni e a tutti i gruppi che hanno reso possibile il week end: le Protezioni Civili di Cavour, Leinì, Gassino, San Maurizio e Settimo, la Croce Rossa di Mappano, la Croce Verde Borgaro-Caselle, il Gruppo Alpini di Caselle, l’Associazione Carabinieri in Congedo, l’Associazione Polizia di Stato Gruppo Cinofili, l’ANPI, l’Aegis, il Gruppo Giovani Agricoltori di Caselle, i Vigili del Fuoco nella persona di Roberto Liscio, la Polizia Locale con il Comandante Alessandro Teppa e i Carabinieri guidati dal Maresciallo Fabio Fornaiolo.


Commenti

commenti