A Caselle consegnati i banchi monoposto per l’Istituto Comprensivo


Sono anche arrivati molteplici arredi scolastici, acquistati grazie ai Fondi Strutturali Europei. “Frutto di un lavoro a 4 mani tra amministrazione e scuola” ha commentato l’assessora Erica Santoro.

dalla Redazione

Duecentottanta banchi monoposto, 21 armadi, 19 LIM -lavagne interattive multimediali-, 16 lavagne in ardesia, 16 cattedre e 16 sedie per gli insegnanti. Sono questi i numeri dei materiali scolastici giunti all’Istituto Comprensivo di Caselle e acquistati grazie ai Fondi Strutturali Europei.

“Un volume di acquisto imponente -racconta l’assessora all’Istruzione Erica Santoro in una lettera inviata ai genitori degli alunni- frutto di un lavoro a quattro mani tra l’amministrazione comunale e il nostro Istituto Comprensivo per ottemperare non solo le disposizioni del Governo per il rientro in classe in sicurezza, ma anche per rendere più funzionali gli spazi e la didattica”. Un unico obiettivo comune: quello di riaprire la scuola in sicurezza, per ridare voce a quegli spazi che per troppo tempo sono stati in silenzio. “Manca il vociare dei bambini. Mancavano le aule con gli insegnanti e le loro lezioni. Mancavano perché, per chi ama la scuola, vedere i cancelli chiusi, i giardini vuoti, non è naturale” continua.

“La scuola è da sempre la seconda casa in cui tutti noi siamo cresciuti e abbiamo imparato ben più dei programmi didattici e delle materie. È il luogo dove abbiamo imparato l’amicizia, la condivisione, a vivere le paure e le gioie. Anche i nostri bambini dovevano avere di nuovo i loro spazi: oggi, anche grazie a questi acquisti -che si affiancano ad altri compiuti direttamente dall’Istituto Comprensivo e che si associano a una serie di interventi strutturali- tutto ciò è nuovamente possibile. Questa pandemia, che ci ha imposto e continua a imporci grandi sacrifici personali ed economici, non fermerà la scuola e in nostri figli che in essa crescono e imparano” conclude l’assessora, ringraziando per la constante collaborazione la Dirigente Scolastica Giuseppa Muscato, i dicenti e il personale ATA.

Non resta quindi che attendere il 7 gennaio, quando in teoria tutti gli alunni potranno finalmente rientrare in classe, prestando sempre attenzione al distanziamento fisico e all’utilizzo della mascherina.

SULLASCIA.NET numero di dicembre LEGGI IL GIORNALE / SCARICA IL GIORNALE


Commenti

commenti