Aria di Carnevale a Borgaro, Caselle e San Maurizio Canavese


Coriandoli e stelle filanti hanno caratterizzato i weekend di febbraio. In attesa della sfilata dei carri allegorici a Borgaro, fissata per il 7 aprile.

FESTA DI CARNEVALE A SAN MAURIZIO CANAVESE (foto AVIS)

di Francesca Venuti e Giada Rapa

Il secondo mese dell’anno è sempre il più allegro e scanzonato, essendo quello predisposto alla festività del Carnevale. Ecco quindi che, di fine settimana in fine settimana, le strade e le sale di alcuni comuni del territorio si sono tinte di mille colori, tra coriandoli, stelle filanti e ogni sorta di maschera.

SAN MAURIZIO CANAVESE – La cittadina ha dato il via ai festeggiamenti nella giornata di domenica 4 febbraio. Un appuntamento tradizionale organizzato dalla Parrocchia in collaborazione con l’amministrazione comunale, la Filarmonica “La Novella”, l’associazione commercianti e l’associazione Fili d’Argento, la Protezione Civile, i Vigili del Fuoco, il Gruppo degli Alpini, la Sezione AVIS e il Comitato Teste Quadre: molteplici realtà che hanno dato vita a un vivace corteo, partito da piazza Statuto e che si è diramato per le vie della città fino a piazza Marconi. Presenti anche le maschere storiche della città e quelle delle frazioni di Ceretta e Malanghero. Una giornata soleggiata e dalle temperature quasi primaverili ha accompagnato la sfilata, proseguita con le premiazioni delle maschere più belle, l’originale Battaglia dei Cuscini e il Rogo di Carnevale.

FESTA DI CARNEVALE A BORGARO

BORGARO – In città, come accade da alcuni anni a questa parte, il Carnevale arriverà fuori stagione: per il terzo anno consecutivo la Pro Loco e l’amministrazione comunale – oltre a molteplici associazioni – daranno vita alla Sfilata dei Carri Allegorici prevista per il 7 aprile, dopo le celebrazioni pasquali. Nel frattempo, però, nella serata del 10 febbraio l’associazione Lucani di Borgaro “Orazio Flacco” ha organizzato il suo appuntamento radunando presso il salone dell’Oratorio circa 140 persone. Poche le maschere – ma alcune davvero originali, come quella del presidente Pro Loco, Tommaso Villani, che in pochi hanno riconosciuto sotto il travestimento da sceicco arabo – ma tanta la voglia di divertirsi e di fare festa, nonché di aggiudicarsi una prelibata forma di caciocavallo, protagonista dell’omonima lotteria.

FESTA DI CARNEVALE A CASELLE

CASELLE – La città dell’aeroporto ha dovuto posticipare i suoi festeggiamenti di una settimana a causa del maltempo, ma la giornata del 17 febbraio è stato un vero e proprio bagno di sole per i numerosi partecipanti. Tanti soprattutto i bambini, che da piazza Falcone hanno raggiunto in corteo il Palatenda dove la Pro Loco e il Gruppo Alpini erano pronti ad attenderli con bevande e dolciumi. Cinque i gruppi presenti alla sfilata, tutti piuttosto originali e divertenti: dai piccoli pittori della Sezione H della scuola dell’Infanzia “Andersen”; alla rievocazione di Alice nel Paese delle meraviglie della 2a A della scuola Primaria “Rodari”; all’UniTre, con lo spassoso e ironico cartello “Mi ho laureato”; quello Gruppo di Cammino della città e quello formato dai ragazzi dell’Oratorio. Impossibile decretare un vincitore: ecco perché tutti sono stati nominati “Alfieri della Città” e apriranno il corteo il prossimo anno. Presente anche l’amministrazione comunale – in versione Carte da Gioco – e l’Informagiovani che, travestiti da hippie, hanno voluto mandare un messaggio di pace.


Commenti

commenti