Caselle: ancora discussioni all’interno della Commissione Pari Opportunità


Le divergenze di opinione sullo svolgimento della settimana dedicata all’8 marzo hanno fatto slittare l’organizzazione delle iniziative per il mese di maggio.

di Giada Rapa

NUMERO DI MARZO IN FORMATO DIGITALE LEGGI IL GIORNALE / SCARICA IL GIORNALE

Doveva essere un’occasione di incontro per iniziare a discutere dell’iniziative da portare in campo nel mese di maggio, nell’ambito della legalità e della cultura. Tuttavia, nella mattinata di sabato 23 marzo, la Commissione Pari Opportunità è stata nuovamente travolta dalle divergenze interne.

Motivo principale della discussione è stato la diffusione di un messaggio scritto dal membro in quota all’opposizione Angela Grimaldi, relativo al suo disappunto su quanto promosso dalla Commissione in occasione della settimana dell’8 marzo. Nel messaggio in questione – la cui diffusione al di fuori della chat preposta rappresenta, ha ricordato Grimaldi, un reato penale – l’ex assessora criticava in particolar modo l’evento denominato “Coccolami”, a suo avviso veicolo di un messaggio antiquato e permeato di stereotipi di genere. Nel corso della discussione, inoltre, è stato anche evidenziato un uso eccessivo del termine rosa, colore spesso associato al mondo femminile. Ha scelto di non entrare nel merito del confronto la presidente Vita Interrante, che si è limitata a prendere atto del pensiero della Grimaldi, ma non per questo le discussioni sono terminate.

Da parte dei componenti in quota alla minoranza infatti, è anche stata rimarcata una mancanza di comunione di intenti, accusando Interrante di aver portato all’attenzione dell’amministrazione un programma di iniziative che non era stato condiviso dalla Commissione.  Il che ha portato quindi a un botta e risposta tra le diverse parti in causa, con Emanuele Verderame che ha ricordato a Grimaldi che “il suo pensiero non è legge”.  Ha cercato di prendere la parola anche Fabrizio Galasso ma, non riuscendoci, a un certo punto ha deciso di alzarsi e lasciare la seduta.

Seduta che, da lì a poco, è stata chiusa e riconvocata per sabato 6 aprile, subito dopo le festività pasquali, sperando che si possa parlare delle prossime iniziative.


Commenti

commenti