Caselle: cambio al vertice per la Commissione Pari Opportunità


Con i soli voti dei componenti in quota alla maggioranza – i membri designati dall’opposizione hanno infatti scelto di astenersi – Vita Interrante è stata eletta come nuovo presidente.

di Giada Rapa

Numero digitale di gennaio LEGGI IL GIORNALE / SCARICA IL GIORNALE

Il nuovo anno poteva portare un nuovo inizio per la Commissione Pari Opportunità, che fin dalla sua istituzione nel novembre 2022 ha vissuto di alti e bassi, con una serie di situazioni che, negli ultimi mesi del 2023, hanno incrinato un po’ i rapporti tra i membri che la compongono.

Con le dimissioni del ruolo di presidente di Chiara Mingrone – che, non potendo garantire per motivi lavorativi la massima attenzione al ruolo, si è resa comunque disponibile a restare all’interno della Commissione – poteva essere un bel segnale offrire questo ruolo a uno dei membri in quota alle opposizioni – proprio per sottolineare ulteriormente l’apoliticità dell’organismo e il suo voler promuovere davvero Pari Opportunità – ma così non è stato.

La proposta di nomina di Vita Interrante ha scatenato la reazione delle minoranze consiliari – Jessica Coffaro, Angela Grimaldi e Marina Fraciacomo – che pur non avendo nulla contro la persona, hanno contestato la decisione di affidare nuovamente la presidenza a un membro della maggioranza. Ciò anche a causa di una non chiara dicitura all’interno del Regolamento comunale in materia. “Poteva essere l’occasione per tendere una mano dopo un anno difficile e permettere a una rappresentante della minoranza di prendere il ruolo” hanno affermato Coffaro e Fragiacomo, mentre Grimaldi ha ricordato che già in occasione dell’elezione di Mingrone i membri in quota all’opposizione avevano fatto un passo indietro nonostante le tante perplessità dovute all’inesperienza della ragazza.  “Condivido che sarebbe stato di classe giocare sull’alternanza – ha sottolineato Grimaldi – perché la prima volta, nonostante i dubbi sulla nomina di Mingrone ci siamo dimostrate aperte. Oggi ci troviamo nella condizione di fare nuovamente un passo indietro, oppure creare una spaccatura, visto che non avete la forza dei numeri. Per senso di responsabilità non lo faremo, ma a questo punto votatevi da soli”.


Commenti

commenti