Caselle: una petizione per avere chiarimenti sugli aumenti e sui servizi dell’asilo nido comunale


Sottoscritta dalla stragrande maggioranza dei genitori che usufruiscono della struttura, la raccolta firme è stata protocollata pochi giorni fa presso gli uffici comunali competenti.

di Giada Rapa

Numero di febbraio di sullascia.net LEGGI IL GIORNALE / SCARICA IL GIORNALE

“Il mantenimento delle tariffe mensili per tutto l’anno scolastico 2023/2024, secondo il tariffario allegato alle domande di iscrizione per il suddetto periodo; la rivalutazione dell’aumento delle tariffe mensili applicando una percentuale plausibile e sostenibile – considerando anche che stiamo parlando di un servizio comunale rivolto alle famiglie – da applicare a partire dal prossimo anno scolastico 2024/2025; che la quota richiesta per il mantenimento del posto per l’anno scolastico 2024/2025, in caso non si voglia usufruire del servizio di Centro Estivo, diventi una caparra da scalare dalla prima retta mensile dell’anno scolastico 2024/2025 e non sia una quota a perdere; un incontro per discutere e confrontarsi su quanto sopra riportato”.

Sono queste le richieste in oggetto a una petizione protocollata nei giorni scorsi presso gli Uffici competenti e sottoscritta dai tre quarti delle famiglie – ovvero circa una trentina – che usufruiscono dei servizi dell’asilo nido comunale “L’Isola Felice”. A spiegare il motivo di tali richieste è una delle firmatarie, evidenziando in primo luogo l’aumento delle tariffe nel corso dell’anno scolastico – del 15%, così come discusso nel Consiglio Comunale del 30 ottobre – ma soprattutto una comunicazione non chiara attraverso le circolari inviate alle famiglie. “La cosa peggiore è la retta per il Nido Estivo: anche se i bambini non frequenteranno occorrerà versare una quota fissa, al fine di non perdere il mantenimento del posto per l’anno successivo” racconta.

Al momento il sindaco Giuseppe Marsaglia – che detiene la delega all’istruzione – non rilascia dichiarazioni, preferendo confrontarsi prima con le famiglie in merito alle diverse questioni poste in essere.


Commenti

commenti