Calcio dilettanti: botte nel dopopartita tra il Villaretto e la Mappanese


Rissa tra giocatori a fine gara. A farne le spese è stato Gianluca Cigna del Villaretto che in nottata è stato operato per ridurre una frattura alla testa.

Villaretto – Una domenica come tante altre sui terreni di provincia dove ieri erano in svolgimento i vari campionati dilettantistici di categoria. Un incontro come tanti quello tra l’Atletico Villaretto e il GSD Mappanese dove lo sport dovrebbe prevalere su tutto, ma così non è stato. L’incontro in questione è raggruppato in Terza Categoria, girone A Torino e a vincere è stata la Mappanese con il risultato di 4 a 3. Verso la fine dell’incontro, in un normale scontro di gioco, un giocatore di colore del Villaretto, Mbaye, è stato espulso per un fallo di reazione e da lì sono iniziati a piovere insulti a sfondo razziale ai danni dell’atleta. Al termine della partita il parapiglia ha preso il sopravvento su tutto e dalle parole si è passati ai fatti con una rissa in piena regola e l’intervento della Polizia che ha cercato di riportare la calma ai bordi del campo e permettere alle squadre di raggiungere gli spogliatoi. Ma mentre la compagine della Mappanese stava abbandonando l’impianto sportivo torinese di via Petrella un forte urlo proveniente dall’esterno ha fatto uscire tutti dagli spogliatoi dove si era nuovamente accesa la rissa Ad avere la peggio è stato il giocatore del Villaretto Gianluca Cigna, secondo la dirigenza torinese aggredito da un gruppo di avversari. Cigna è stato subito accompagnato per accertamenti al vicino pronto soccorso del Giovanni Bosco dove è stata riscontrata una frattura al cranio che ha reso necessario un intervento chirurgico durante la notte appena passata.

Sull’Accaduto abbiamo raggiunto telefonicamente il Presidente della Mappanese Bruno Morando che riferisce quanto segue. “Premetto che io non ero al campo con la squadra ma i miei dirigenti mi hanno riferito che è stato il nostro giocatore Filippi a subire l’aggressione nel parcheggio del campo sportivo. Ora ciò che importa è che il ragazzo stia bene e stamani il nostro dirigente Angelo Previati si è  messo in contatto con i familiari di Gianluca Cigna per avere notizie e rassicurazioni sullo stato salute del calciatore. Per il resto nelle sedi opportune verrà fatta piena luce sull’accaduto“. (CriCra)

 


Commenti

commenti