Mappano contro la realizzazione di due impianti di trattamento rifiuti in zona Reisina


Maggioranza e opposizioni consiliari si sono unite per bocciare i progetti di costruzione di un deposito di rifiuti solidi pericolosi e di un altro destinato alla rottamazione di veicoli fuori uso. Durante la seduta è anche stato trattato il tema della proroga della convenzione per la gestione della Farmacia Comunale.

di Giada Rapa

Mappano dice no alla realizzazione di due nuovi impianti di trattamento rifiuti -ancora in attesa di autorizzazione- che potrebbero vedere luce verranno in zona Reisina. Sostanzialmente sul territorio di Leinì, ma fattivamente al confine rea le due cittadine. Ad esprimere questa contrarietà sono stati, all’unanimità, i membri del Consiglio Comunale, durante l’assise di fine anno, trasformando un’interrogazione congiunta dei gruppi di opposizione in un Ordine del Giorno condiviso. Nel documento, oltre ad analizzare i due impianti -un deposito di rifiuti solidi pericolosi e un impianto destinato alla messa in sicurezza, demolizione, recupero e rottamazione di veicoli a motore fuori uso– vengono anche prese in considerazione le possibili criticità -come da progetto- che vanno dal rischio incendio, allo sversamento di sostanze liquide e solide pericolose, con rischio di interessamento di altri corpi idrici recettori e migrazione di inquinanti verso il suolo. Problematiche alle quali va aggiunta la previsione di un traffico di circa 30/50 mezzi al giorno anche su Mappano -in particolare su via Rivarolo, Strada Cuorgnè e via Reisina- portando a un peggioramento sia della qualità dell’aria, sia della vita dei mappanesi, “già resa critica”.

“Viste le suddette premesse, il Consiglio Comunale di Mappano esprime parere negativo sulla locazione di detti impianti e invita la Città Metropolitana, il Comune di Leini e la città di Torino per quanto di competenza- ad impedire, in questa area già ambientalmente penalizzata, insediamenti di impianti di trattamento rifiuti” si legge sul documento condiviso. Oltre a questo ODG, l’amministrazione comunale aveva già protocollato, entro la data del 24 dicembre, parere negativo per un altro impianto rifiuti in via Kennedy.

Maggioranza e opposizione, unite su questo punto, si erano però scontrate in precedenza sul tema dell’ennesima proroga -ormai la quarta- della convenzione con il Comune di Venaria Reale per la gestione, in forma associata, della Farmacia Comunale. Questa volta però, rispetto agli anni precedenti, l’amministrazione comunale ha annunciato che la moratoria dovrebbe essere l’ultima, dal momento che sono iniziate le procedure per un affidamento ventennale al nuovo gestore, il cui bando di gara avverrà nel corso del 2022.


Commenti

commenti