Mappano: l’importanza della prevenzione nel decadimento cognitivo


La scorsa settimana si è tenuto un nuovo appuntamento legato alla salute, sempre molto partecipato. Il 9 marzo è invece prevista l’inaugurazione dell’ambulatorio ostetrico, che sarà attivo ogni martedì presso la Casa della Salute.

di Giada Rapa

Anche se generalmente si parla sempre di Alzheimer per indicare il fenomeno del decadimento cognitivo, le demenze possono essere di vario tipo: di origine cardiovascolare; a corpi di Lewy; di Pick e molte altre. È questo ciò che è emerso nel corso della conferenza “Come star bene cognitivamente quando si diventa anziani”, promossa dall’amministrazione comunale nell’ambito di un ciclo di incontri a cadenza mensile che ha come obiettivo principale quello della prevenzione.

A relazionare sul tema sono stati l’infermiere Fabio Beanato – attivo presso l’ambulatorio Centro Disturbi Cognitivi e Demenza di Ivrea nonché referente Percorsi Demenza dell’ASL TO4 – e Gisella Manassero, operatrice del l’ambulatorio Centro Disturbi Cognitivi e Demenza di Volpiano e referente del Centro Diurno Alzheimer di Volpiano. In modo particolare Beanato ha parlato della prevenzione primaria – fatta di corretta alimentazione, attività sportiva da praticare soprattutto in gruppo per un allenamento anche mentale, buona gestione dello stress – e di quella secondaria, dove fondamentale è la diagnosi precoce. “Nonostante le buone pratiche di salute, esistono comunque fattori di rischio per lo sviluppo di queste malattie, come il sesso – sono infatti maggiormente colpite le donne – alcuni fattori genetici e l’avanzare dell’età” ha spiegato Beanato, illustrando anche i sintomi delle tre fasi principali che caratterizzano la malattia e il SAGE Test, che si può scaricare da Internet e provare a fare a casa.

Manassero ha invece illustrato le attività del Centro Diurno di Volpiano, struttura pubblica che si differenzia leggermente da quella di Salerano, privata ma convenzionata con il SSN. “Purtroppo gli operatori sono pochi – ha commentato – ma abbiamo un importante aiuto dal terzo settore, che ci consente di proporre ai nostri assistiti diversi laboratori poiché la manualità è estremamente importante.  Inoltre nel Centro forniamo ai familiari anche strategie che possono essere replicate a casa”.  È inoltre stata posta l’attenzione sull’importanza dell’informazione sui servizi che offre il territorio, come il Caffè Alzheimer di Settimo Torinese.

Un altro, importante appuntamento, è invece è stato fissato per il 9 marzo, quando si terrà l’inaugurazione dell’ambulatorio ostetrico che, grazie alla sinergia tra comune e ASL TO4, sarà attivo ogni martedì dalle 8 alle 16. Un servizio che va ad ampliare quelli della Casa della Salute, progetto che recentemente anche visto l’apertura della nuova farmacia comunale. “A tutte le donne tra i 14 e i 65 anni di Mappano, il comune invierà a casa un invito, con la speranza che questo nuovo tassello della Casa della Salute sia per il benessere e la maggior consapevolezza di sé per tutte noi donne di Mappano. La prossimità con l’8 marzo, Festa della Donna, non è casuale e ci fa riflettere poiché un servizio per le donne, per ogni settimana dell’anno, è senz’altro meglio di un’unica giornata a noi dedicata” ha spiegato l’assessora Cristina Maestrello.


Commenti

commenti