L’EVENTO – Terra Madre e Salone del Gusto per volere bene al nostro pianeta


TORINO – Tra meno di un mese, dal 22 al 26 settembre, torna in città la rassegna sulla cultura del cibo curata da Slow Food. Ventottomila metri quadrati di esposizione en plain air al parco del Valentino.

1Ancora pochi giorni e prenderà avvio l’edizione 2016 di Terra Madre e Salone del Gusto con una formula totalmente nuova che abbandona i classici spazi al chiuso per aprirsi totalmente alla città..

Sede dell’evento sarà principalmente il quartiere San Salvario, con il suo parco del Valentino che sarà occupato dal 29 agosto al 7 ottobre per permettere la collocazione degli spazi espositivi riservata ai produttori diretti, istituzioni e sponsor. Insieme al parco, saranno utilizzati diversi spazi di Torino Esposizioni, oltre al parcheggio del Padiglione V. Momenti importanti della manifestazione si vivranno anche in piazza Castello, via Roma, piazza San Carlo, piazza Cln, piazzale Valdo Fusi, via Po e ai Murazzi, dove saranno allestite le cucine di strada con pagode.

salonedelgustoAltre attività, come i percorsi di degustazione, conferenze, attività educative per ragazzi e per adulti si terranno in varie altre sedi: Eataly di via Nizza, Circolo dei Lettori, Palazzo Reale, Casa d Aste Bolaffi, Teatro Carignano, Rettorati di via Verdi, aule didattiche di Torino Esposizioni e Castello del Valentino.

LA RASSEGNA – Terra Madre Salone del Gusto è il più importante evento internazionale dedicato alla cultura del cibo. Un grande mercato con espositori dai cinque continenti e presìdi Slow Food, tante occasioni per scoprire la ricchezza enogastronomica del mondo, per ampliare i punti di vista sul campo dell’alimentazione e per ascoltare la voce delle comunità del cibo. Le stesse che il 23 settembre sfileranno nella Marcia di Terra Madre che prenderà avvio intorno alle ore 19 dall’Arco di corso Vittorio Emanuele II per raggiungere la centralissima piazza Carlo Alberto.

 

Per ,aggiori info: http://www.salonedelgusto.com/it/#home


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio