Borgaro dedica una via ad Anna Frank, la scuola di Mappano la ricorda


L’intitolazione è avvenuta venerdì 25 gennaio, in occasione degli appuntamenti per la Giornata della Memoria, con una rappresentanza dell’Istituto Comprensivo. A Mappano, invece, i ragazzi hanno portato all’esterno del plesso alcuni ritratti della scrittrice ebrea tedesca morta nel campo di concentramento di Berger-Belsen.

di Giada Rapa

Borgaro/Mappano – Con il suo diario e i suoi occhi di ragazzina,
Anna Frank ha raccontato una delle pagine più oscure della storia. In occasione della Giornata della Memoria, l’amministrazione di Borgaro ha deciso di intitolare una via alla giovane vittima dell’Olocausto -nella fattispecie in zona Piscina Comunale, tra via Risorgimento e via XX Settembre- inaugurata nella mattinata di venerdì 25 gennaio.

“Oggi vogliamo ricordare tutte le vittime dell’Olocausto” ha esordito il Sindaco Claudio Gambino rivolgendosi ai ragazzi della 1a, 2a e 3a Sezione A e 3a B della Scuola Secondaria di Primo Grado e 5e B, C e D della Scuola Primaria, in rappresentanza dell’Istituto Comprensivo di Borgaro. “Vogliamo ricordare tutte quelle persone che vivevano normalmente all’interno della nostra società e che a causa di una lucida follia sono stati deportati e costretti a vivere in condizioni disumane all’interno dei campi di concentramento. Ringrazio di aver portato i ragazzi, perché è importante tramandare la memoria attraverso le future generazioni. Dietro il nome di questa via, il nome di Anna Frank, ci sono tribolazioni e sacrifici di milioni di persone, causata della pazzia di altri uomini”. Presente all’intitolazione anche la Dirigente Scolastica Lucrezia Russo. “Voi ragazzi non siete solo il nostro futuro, ma anche il nostro presente. Dobbiamo ricordare che c’è speranza solo se scegliamo da che parte stare. Non bisogna mai voltarsi dall’altra parte e schierarsi sempre dalla parte giusta, anche se è quella più difficile”. A seguire, alcuni ragazzi hanno preso la parola per leggere alcune riflessioni.

Nella stessa mattinata, le classi 5e dell’Istituto Comprensivo “Giovanni Falcone” di Mappano hanno esposto all’esterno del plesso di via Tibaldi le opere “I Ritratti di Anna: siamo tutti Anna Frank”, frutto di un lavoro comune di lettura e confronto sulla vita e il Diario della scrittrice. Inoltre un gruppo di  alunni, in rappresentanza delle tre classi, insieme alle insegnanti e alla Dirigente Scolastica, ha portato altri ritratti presso gli esercizi commerciali di Strada Cuorgnè e il Municipio di Mappano, chiedendo che venissero esposti. “Un piccolo gesto che speriamo aiuti tutti a riflettere , su questa triste pagina del nostro passato più recente. Ricordando, come scrisse Anna nel suo diario,  che: Quel che è accaduto non può essere cancellato, ma si può impedire che accada ancorahanno commentato.   


Commenti

commenti