Borgaro: “No al Silenzio. No alla Violenza” è il grido della scuola Levi


Gli alunni della scuola Secondaria di Primo Grado si sono fatti “paladini del rispetto di ogni forma di diversità” con una serie di riflessioni e di dibattiti.

dalla Redazione

È stata una settimana di riflessioni e di dibattito quella che ha visto protagonisti gli alunni della scuola Secondaria di Primo Grado “Carlo Levi”, che si sono fatti “paladini del rispetto di ogni forma di diversità”. Una settimana iniziata il 25 novembre, Giornata Mondiale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne, e conclusasi martedì 3 dicembre, Giornata Internazionale della Disabilità.

Sul tema della violenza contro le donne ragazzi e ragazze hanno riflettuto sul tema delle spose-bambine, anche attraverso la visione del film “La Sposa Bambina” del regista Khadija Al-Salami: opera basata su una storia vera che denuncia una pratica ancora tristemente diffusa in molti Paesi. Legato in modo particolare a questa tematica, le classi 1e mercoledì 20 novembre, in occasione della Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, si sono recati presso il Cinema Massimo di Torino dove, in collaborazione con il Museo del Cinema, hanno partecipato alla proiezione del film d’animazione “Dililì a Parigi” di Micheal Ocelot, che parla dei diritti negati alle bambine. Alla conclusione del film, gli alunni hanno partecipato a un dibattito condotto dai rappresentanti dell’Unicef, al fine di favorire la cultura dell’attenzione.

“E la cultura dell’attenzione all’altro -ha commentato la Dirigente Scolastica Lucrezia Russo– si manifesta anche nel rispetto per ogni forma di diversità. Con questo spirito è stata vissuta la Giornata Internazionale della Disabilità: tutti gli alunni hanno visionato il cortometraggio Il circo della farfalla di Joshua Weigel, riflettendo sui limiti che ognuno di noi ha, ma che, seppur accettati, vanno superati in qualsiasi forma si presentino”.


Commenti

commenti