Borgaro: una serata per informare le associazioni sportive dei rischi sulla gestione dei dati sensibili


La serata, organizzata dall’Accademia del Calcio in collaborazione con l’Associazione Italiana Avvocati nello Sport, si è svolta lunedì 18 novembre presso l’Hotel Atlantic.

di Giada Rapa

Ancora troppo spesso si tende a pensare che i controlli non andranno a toccare le piccole realtà delle Associazioni Sportive Dilettantistiche (ASD). Tuttavia le nuove regole in materia di GDPR –General Data Protection Regulation, in italiano Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati– impongono a tutti di adeguarsi alla normativa, al fine di non incorrere in sanzioni non solo pecuniarie, ma anche penali.

Proprio per fare chiarezza su un tema particolarmente delicato, l’Accademia del Calcio ha organizzato, nella serata di lunedì 18 novembre, un incontro completamente gratuito, moderato dall’avvocato Filippo Gliozzo, membro dell’Associazione Italiana Avvocati nello Sport. Durante la serata sono intervenuti l’avvocato Antonio Maria Borello, che si è soffermato in modo particolar sulle sanzioni inerenti la tutela dei dati personali; l’avvocato Domenico Filosa che si è invece concentrato sull’informativa della privacy e sul registro dei trattamenti, per concludere con il dott. Vincenzo Santoleri, che ha invece illustrato i principi della privacy by design e della privacy by default, ovvero quei principi di protezione dei dati fin dalla progettazione e per impostazione predefinita introdotti proprio dal GDPR.

Tra gli ospiti in sala il Presidente Regionale della Lega Nazionale Dilettanti Christian Mossino e il consigliere comunale di Borgaro con delega allo sport Paolo Massa, che ha portato i saluti dell’amministrazione sottolineando l’importanza di incontri del genere e auspicandone la replica.


Commenti

commenti