“FRIGORIFERO MON AMOUR”, UN ROMANZO per RIFLETTERE SULLO SPRECO DI CIBO


Stasera, venerdì 3 maggio alle 21 presso il Sotto Chiesa di via Bertino (piazza della Fontana), si terrà la presentazione di un libro che racconta in chiave umoristica il tema dello spreco alimentare. L’evento è promosso dal Presidio Soci Coop di Borgaro in collaborazione con la Caritas cittadina.

Lo scrittore torinese Andrea Serra torna a Borgaro per presentare il suo lavoro letterario “Frigorifero mon amour”. Un frigorifero che scappa letteralmente di casa, esasperato dagli sprechi quotidiani di cibo cui è costretto ad assistere e un padre di famiglia che dovrà affrontare sfide e peripezie per riportarlo indietro. È questa la chiave del romanzo di Serra che attraverso un registro umoristico vuole invitare i lettori a riflettere sul fenomeno dello spreco alimentare e sull’impegno richiesto a ognuno di noi per contrastarlo. Stasera, venerdì 3 maggio, alle 21, l’autore presenterà il libro nel Sotto Chiesa di via Bertino (piazza della Fontana), in una serata promossa e organizzata dal locale Presidio Soci Coop in collaborazione con la Caritas cittadina.

Ogni anno una famiglia italiana getta nella spazzatura in media 89,3 kg di cibo generando, a livello nazionale, uno spreco di 2,2 milioni di tonnellate (pari a 8.5 miliardi di euro). Una quota considerevole dello sperpero di alimenti avviene quindi nelle nostre case per errate abitudini alimentari e scelte di acquisto poco equilibrate. La lotta allo spreco e l’educazione a un consumo etico e consapevole sono due delle sfide più sentite da Nova Coop, cooperativa leader in Piemonte nella grande distribuzione organizzata, che in coerenza con i propri valori sociali promuove e sostiene diverse iniziative per ridurre lo sperpero di cibo. Nel 2018 la Cooperativa ha raccolto, grazie al progetto Buon Fine per il recupero delle eccedenze, beni alimentari per un valore complessivo di 4.669.363 euro pari a circa 1.000.000 di pasti distribuiti ai più bisognosi dalle 63 onlus del territorio.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio