Prende forma il Settembre Borgarese


Tra le iniziative in programma la festa dei Parchi tra l’11 e il 12, una Notte Bianca il 17, i fuochi d’artificio il 24 e grande chiusura con la Fiera patronale di domenica 26.

dalla Redazione

Nonostante il Covid-19 e le sue ancora fattive limitazioni, l’amministrazione comunale e alcune associazioni del territorio sono in questi giorni alle prese per definire un programma il più possibile “normale” del Settembre Borgarese. Diverse le date sicure, mentre altre sono in via di definizione.

Tra quelle certe c’è la Festa dei Parchi Borgaresi, che si svolgerà durante l’intera giornata di domenica 12 settembre al parco Don Banche di via Garibaldi (il palinsesto della kermesse sarà presto annunciato dagli organizzatori), con la novità, quest’anno di avere una specie di prequel serale al sabato, 11 settembre, al parco Chico Mendes con uno spettacolo teatrale curato dalle compagnie Noteateatro e RTA Movie. Durante lo spettacolo, ad accesso gratuito, il ristobar Chico Loco e l’associazione Sinapsi, insieme all’associazione Bersaglieri di Borgaro, promuoveranno una grigliata il cui incasso sarà utilizzato per l’acquisto di un defibrillatore da posizionare all’ingresso dell’area verde.

Durante la settimana successiva, si prosegue venerdì 17 settembre con la Notte Bianca nelle vie centrali della città. Come quella di metà luglio, l’iniziativa prevede sei punti musica posizionati nelle vicinanze di bar e ristoranti (in via Cirié, via Costituente, viale Martiri della Libertà, piazza Agorà, piazza della Repubblica, via Svizzera) e un mercatino di hobbisti, artigiani, produttori diretti e promoter nella parte iniziale di via Cirié.

I festeggiamenti patronali entreranno definitivamente nel vivo durante l’ultima settimana del mese con lo spettacolo pirotecnico in via Bertino alle ore 23 di venerdì 24 settembre e la classica Fiera d’Autunno in programma per domenica 26 settembre.

Altre iniziative sono allo studio e presto sarà annunciato dall’amministrazione comunale il cartellone completo degli eventi.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio