Videosorveglianza stradale: “Entro il 2018 anche Caselle aderirà al progetto Città Sicura”


Presto le due postazioni di rilievo delle infrazioni semaforiche, installate sulla ex SP2 all’intersezione con l’ex SP13 saranno dotate di telecamere a raggi infrarossi per la lettura delle targhe dei mezzi in transito.

di G. D’A.

Caselle – Entro la fine di settembre le due postazioni di rilevamento delle infrazioni semaforiche, installate sulla ex SP2 (per andare a Ciriè e viceversa) all’intersezione con l’ex SP13 (per andare a San Maurizio e viceversa) saranno dotate di una nuova funzione che consentirà la lettura di tutte le targhe dei mezzi in transito attraverso una sofisticata strumentazione che vede l’impiego di una telecamera a raggi infrarossi in grado di registrare senza problemi anche in ambiente notturno. “E’ il primo passo – spiega l’assessore Giovanni Isabella – affinché entro il 2018 anche Caselle, come ha già fatto il Comune di Borgaro, aderisca al progetto Città Sicura. Nei prossimi mesi, infatti, progressivamente tutti gli ingressi della città saranno dotati di queste telecamere per la lettura delle targhe, uno strumento utilissimo per il controllo del territorio e per le indagini delle forze dell’ordine”.

La gestione di questa nuova tecnologia è affidata alla società Traffic Tecnology che già si occupa delle due postazioni di rilievo delle infrazioni semaforiche, un impegno che la Giunta comunale ha recentemente prorogato fino all 30 settembre 2018 con una previsione di spesa annuale pari ad 46.116 euro. “La messa in funzione del progetto Città Sicura – conclude Isabella – avrà un periodo sperimentale di tre mesi, dopodiché si ragionerà sulle modalità della sua implementazione”.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio