LA RIFLESSIONE – A Caselle una serata per parlare di Unione Europea


L’incontro, organizzato dalle associazioni AEGIS e ANPI Sezione Santina Gregoris, ha visto come relatore il Senatore della Repubblica Lorenzo Gianotti.

dalla Redazione

Un incontro per riflettere sulla storia dell’Unione Europea, in “Un Sogno lungo più di Sessant’anni”, ma anche per analizzare la politica attuale alle luce delle elezioni che si svolgeranno tra poco più di un mese proprio per rinnovare il Parlamento. L’iniziativa, promossa dall’associazione culturale AEGIS e dalla sezione ANPI Caselle-Mappano “Santina Gregoris”, si è svolta venerdì 12 aprile a patire dalle ore 20.45 presso la sala consiliare e ha visto come relatore il Senatore della Repubblica Lorenzo Gianotti, classe 1939.

“Senza l’Europa unita il mondo rischia parecchio” ha esordito Gianotti, ricordando che al clima di perplessità verso l’UE ha contribuito la crisi scoppiata negli USA nel 2008. “È aumentato il divario tra maggioranza povera e minoranza ricca, e per molti demagoghi la colpa è dell’Europa e delle politiche europee. Ma sono convito che l’Europa è destinata a restare e a mantenersi solo se si sviluppa. Per questo è importante che le opinioni pubbliche siano meglio edotte sulla storia dell’Europa”.

Gianotti ha quindi ripercorso le tappe che hanno portata alla nascita dell’UE sottolineando alcuni cambiamenti fondamentali, come la crescita dell’Italia, che in pochi anni è passata da paese agricolo a industriale negli anni in cui si sono formati la Comunità Economica Europea e il Mercato Europeo Comune, la possibilità di viaggiare liberamente all’interno dei paesi dell’Unione, il progetto Erasmus, cha ha permesso a milioni di giovani di studiare all’estero.

La memoria è fondamentale. I latini dicevano historia magistra vitae” ha ricordato Gianotti, illustrando alcune analogie tra gli anni dell’ascesa del fascismo e il giorno d’oggi.


Commenti

commenti