Ciriè: in Consiglio Comunale si torna a parlare di sottopasso e di interramento ferroviario


La mozione presentata ieri sera dal consigliere di minoranza Silvestro ha aperto una lunga discussione in aula. Il punto sarà approfondito in un’apposita commissione da convocare a breve.

di G. D’A.

Cirié – E’ stata approvata con i voti della maggioranza, e l’astensione del resto della minoranza, la mozione presentata dal consigliere del Movimento 5 Stelle, Franco Silvestro, su un argomento molto sentito da tutti i ciriacesi: la realizzazione di un intervento stradale in grado di eliminare i passaggi a livello che “dividono” la città in due. “Il probabile sviluppo che avrà nei prossimi anni la ferrovia Torino-Ceres con la realizzazione del sottopasso di corso Grosseto a Torino, soprattutto nel tratto che va dal capoluogo all’aeroporto Pertini di Caselle, ci impone di fare un ragionamento in tempi rapidi affinché la nostra città diventi il capolinea del percorso e non venga tagliata fuori da questa opportunità” ha esordito Silvestro presentando il documento. “Dell’argomento – ha proseguito il pentastellato – si è iniziato a dibattere in conferenza dei capigruppo e siamo tutti d’accordo a ritrovarci a breve in una commissione consiliare per approfondire la questione”.

Dopo l’introduzione di Silvestro sono stati diversi gli intervento che si sono succeduti in aula, a testimonianza della rinnovata importanza che chi amministra Cirié vuole dare al tema. “Raccogliamo con piacere questa mozione – ha dichiarato la Sindaca Loredana Devietti – e siamo favorevoli ad approfondire la proposta di sottopasso verificando delle ipotesi di lavoro da presentare in Regione per il reperimento delle risorse”. Il Vicesindaco Aldo Buratto ha invece fatto una disamina storica sui progetti che negli ultimi 30 anni hanno preso in considerazione la costruzione di un sottopasso o all’interramento ferroviario, arrivando fino ai giorni nostri. “Oltre agli alti costi – ha precisato Buratto – ci sono anche le difficoltà tecniche da affrontare, senza dimenticare che in questi anni la Torino-Ceres ha rischiato più volte di essere tagliata in alcuni tratti per questioni gestionali. Oggi le condizioni sono cambiate e si può tornare a parlare di questo sottopasso che tecnicamente potrebbe essere realizzato in via Torino, angolo via Camosetti. L’incidente dello scorso anno – ha concluso il Vicesindaco – ha consentito di far manutenzione su tutta la linea e portare l’innovazione nel sistema dei passaggi a livello grazie agli investimenti compiuti da GTT”. Anche secondo Francesco Brizio, consigliere di minoranza del PD, “serve fare una grossa riflessione perché è il tempo di prendere delle decisioni strategiche visto che i lavori in corso Grosseto sono partiti”. Dello stesso avviso Davide D’Agostino, all’opposizione con Fratelli d’Italia, che ha sottolineato la grossa ricaduta che la città potrebbe avere se si riuscirà a rendere adeguata la linea nel tratto cittadino.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio