Anche l’IIS Fermi Galilei di Ciriè ha aderito al #Dantedì


La prima edizione della giornata dedicata a Dante Alighieri, di recente istituzione da parte del Governo, è avvenuta in un momento particolarmente complicato.

dalla Redazione

Martedì 25 marzo 2020 è stato il primo Dantedì, ovvero la prima giornata dedicata al poeta fiorentino Dante Alighieri, recentemente istituita dal nostro Governo. Secondo diversi studiosi, infatti, è proprio il 25 marzo 1300 che Dante si perde nella selva oscura, dando inizio al suo viaggio attraverso Inferno, Purgatorio e Paradiso. Una giornata che cade in un periodo particolarmente complicato per l’Italia intera e soprattutto per il sistema scolastico, ritrovatosi da un giorno all’altro a dover gestire la didattica a distanza. Tra le realtà aderenti a questa iniziativa l’Istituto di Istruzione Superiore Fermi Galilei di Ciriè, che ha raccolto tutto il materiale prodotto dagli allievi delle diverse classi in un’apposita sezione dedicata sul proprio sito internet.

L’orario di punta è stato quello delle 12, quando docenti e studenti -nel corso delle lezioni a distanza- sono stati invitati, insieme ai singoli cittadini, a leggere Dante e a riscoprire i versi della Divina Commedia dalla Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina. Tra gli attori principali del Dantedì il Mibact e il Miur insieme a scuole, ma anche musei, parchi archeologici, biblioteche, archivi e luoghi della cultura che hanno proposto sui propri social immagini, video, opere d’arte, e rare edizioni della Divina Commedia, al fine di raccontare quanto la figura del Sommo Poeta nel corso dei secoli abbia segnato profondamente tutte le espressioni culturali e artistiche dell’identità italiana. Partecazione attiva anche da parte della Rai, che con Rai Teche ha selezionato le lecturae Dantis interpretate dai maggiori artisti del nostro tempo, programmate in pillole di 30” nelle tre reti generaliste della Rai e su Rai Play.


Commenti

commenti