I Ghiss Bross a San Maurizio per la festa di Nati per Leggere


I due artisti torinesi saranno oggi, sabato 6 aprile, ospiti della Biblioteca Civica “Adriano Fangareggi”. Continuano intanto gli incontri del gruppo di sostegno all’allattamento al seno, “L’ora piccola dei piccoli” e “L’ora della lettura”.


San Maurizio Canavese – Sabato 6 aprile, dalle ore 16 in poi, presso la Biblioteca Civica “Adriano Fangareggi” (via Carlo Alberto, 21/a), i Ghiss Bross presenteranno una lettura scenica liberamente ispirata al “Gatto con gli Stivali”. La biblioteca avrà l’onore di ospitare il primo degli appuntamenti in calendario sul territorio per festeggiare il programma nazionale “Nati per Leggere”: l’iniziativa toccherà infatti tutte le biblioteche dell’Area Nord Est dello SBAM. L’organizzazione di questa tipologia di interventi è garantita dal supporto logistico ed organizzativo della Biblioteca Polo “Archimede” di Settimo Torinese e dal contributo finanziario della Compagnia di San Paolo di Torino. Per assistere allo spettacolo è necessario prenotare contattando il personale della Biblioteca (dalle 9 alle 12 telefonando al numero 011.9279509 o scrivendo a biblioteca@bibliopan.it).

Sempre per il programma “Nati per Leggere”, sempre oggi, dalle 10 alle 11, si svolgerà il secondo incontro del “Gruppo di sostegno all’allattamento al seno”. Anche questa iniziativa, tesa a creare una rete di tutela sociale realizzata in forma gratuita e volontaria da tre “mamme di sostegno” (Alessia, Federica e Stefania) a vantaggio di altre donne, ha come obiettivo la cura dei piccoli lettori di domani e le mamme che a loro proporranno il gesto affettivo della lettura ad alta voce. Anche per questa seconda iniziativa, è utile contattare il personale della biblioteca e segnalare la propria presenza. Proseguono inoltre “L’ora piccola dei piccoli” e “L’ora della lettura”, appuntamenti fissi del sabato mattina destinati ai bimbi da 0 a 36 mesi e rispettivi genitori il primo, e ai bimbi dai 3 anni in su e rispettivi genitori il secondo.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio