Borgaro: debito pesante della River Borgaro verso il Comune, il Gruppo Latella contesta e si rivolge alla Corte dei Conti


Il Comune vanterebbe una somma di 177.508 euro accumulati dalla società sportiva dal 2003 al 2016. E ai tre consiglieri comunali di centro destra sorge spontanea una domanda: “Possibile che nessuno se ne sia accorto prima?”.

di Giada Rapa

Borgaro – Nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale, rispondendo a un’interrogazione avanzata dal Movimento 5 Stelle in merito alle condizioni del Palazzetto dello Sport, il Sindaco Claudio Gambino aveva accennato a un contenzioso con la Polisportiva UISP River Borgaro in merito a rimborsi su vecchie utenze. Andando più a fondo, il Gruppo Latella è venuto a conoscenza del fatto che il credito vantato dall’amministrazione comunale nei confronti della società sportiva ammonta a 177.508 euro, accumulatisi negli anni dal 2003 al 2016, in merito a spese riguardanti consumi elettrici e riscaldamento. “Com’è possibile che in 14 anni nessuno si sia mai preoccupato di richiedere quanto dovuto?” si domandano a questo punto Marco Latella, Cristiana Sciandra e Alessandro Ferricchio, esponenti del gruppo di centro destra.

“Dal 2003 a oggi alla River Borgaro si sono succeduti diversi Presidenti, tra cui l’ex assessore Valter Campioni, fino ad arrivare all’attuale, Veronica Castronovo, la quale ha ammesso di non aver mai domandato all’amministrazione il conteggio delle bollette e che si è anche dichiarata disposta a corrispondere la somma dovuta, ma per quanto riguarda gli ultimi 5 anni” ha spiegato Sciandra. Per legge, infatti, è possibile riscuotere crediti soltanto per l’ultimo lustro, facendo così perdere una somma non indifferente alle casse pubbliche. “Ma come mai ci siamo svegliati solo adesso?” ha continuato Sciandra. “Cos’hanno fatto l’allora Sindaco Vincenzo Barrea e i suoi assessori?” ha incalzato Latella, che ha annunciato anche che la questione verrà portata alla Corte dei Conti. “Chissà cosa recupereremo e in quanto tempo. Dopo lo scandalo Seta e gli interessi azzerati alla Dobel, ci troviamo di fronte a questa situazione dove, come al solito, a farne le spese saranno i cittadini” ha proseguito Latella, chiedendo anche che l’amministrazione abbia l’umiltà di fare i nomi di chi ha sbagliato, dal momento che in tutti questi anni non è stata una persona sola ad occuparsi della questione.

Inoltre il Gruppo ha accenna anche ad una insolita “mancanza”. “Da qualche anno a questa parte, infatti, il Comune non dà più sovvenzioni alla Polisportiva per poter far fare i corsi di nuoto ai bambini, pur avendo una struttura come la nostra, che è un vanto. È stato tolto un servizio, ma anche l’opportunità di far praticare uno sport a quei piccoli le cui famiglie non hanno le risorse economiche necessarie” ha concluso Sciandra.

 


Commenti

commenti