Borgaro: il giallo del verbale annullato all’assessore. I vigili: “Si è trattato di un errore”


Il fatto è stato sollevato dai consiglieri comunali di minoranza del Gruppo Latella che, dopo le verifiche del caso, segnaleranno l’accaduto alle autorità competenti.

di Giada Rapa

Borgaro – Tutto è iniziato con una lettera anonima giunta al Gruppo Latella una decina di giorni fa, in cui si parlava di un verbale di contravvenzione prima compilato e poi annullato a carico dell’assessora all’Istruzione Marcella Maurin (nella missiva il nome non viene riportato, ma solo il numero di targa). Una lettera con informazioni molto dettagliate che inizialmente ha suscitato parecchie perplessità tra Marco Latella, Cristiana Sciandra e Alessandro Ferricchio, i tre consiglieri di centro destra. “Poteva essere qualunque cosa: una notizia falsa oppure la verità. Per questo abbiamo approfondito la questione prima di renderla nota” spiegano. E ieri hanno deciso di farlo con un comunicato stampa, in cui hanno “accertato l’esistenza in un verbale in seguito annullato”. “Troviamo singolare l’annullamento di una multa a carico di un assessore. Considerato quanto sopra non potremo che segnalare l’accaduto alle autorità competenti per le verifiche del caso” spiegano. Vista la situazione particolarmente delicata il Gruppo non ha voluto fornire altri dettagli.

Il Comandante di Polizia municipale, Massimo Linarello, però, parla di errore umano. “A volte possono capitare degli sbagli nella compilazione dei verbali: siamo esseri umani e non robot. Il Gruppo Latella aveva già richiesto e ottenuto le opportune spiegazioni in merito alla situazione. Le polemiche non mi appartengono, io posso solo dire che le procedure sono state eseguite correttamente e che se i consiglieri vogliono procedere con le segnalazioni sono liberi di farlo. Dall’inizio dell’anno sono diversi i verbali archiviati, perchè purtroppo gli errori possono accadere. Abbiamo il dovere di controllare il nostro operato, per questo possiamo effettuare annullamneti in auto-tutela. Sicuramente non c’è riverenza verso l’autorità. Nella mia carriera ho fatto multe a sindaci, assessori e consiglieri e tutte sono state regolarmente pagate“.

Anche il Sindaco Claudio Gambino sminuisce il fatto. “Non mi sono mai occupato delle multe agli assessori e non ne sapevo nulla. Preciso che il nostro è un comportamneto trasparente e che non abbiamo niente da nascondere“. Punta sulla trasparenza anche l’assessora Maurin. “Non è stato commesso alcun illecito, la nostra è un’amministrazione trasparente al 100%“.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio