Borgaro: il gruppo Alpini spegne 84 candeline


La festa di compleanno si è tenuta domenica 9 aprile. Dopo le orazioni ufficiali si è tenuto il pranzo sociale nella sede di via Stura al quale hanno partecipato oltre cento persone.

di Cristiano Cravero

Borgaro – Domenica 9 aprile da ricordare per il gruppo alpini locale che ha festeggiato il suo 84esimo anniversario di fondazione. Una bellissima giornata di sole ha fatto da giusta cornice alla festa che ha visto come ospiti molti i gruppi di penne nere, che con il loro gagliardetto hanno voluto testimoniare la presenza a questo importante appuntamento. L’evento ha preso il via alle 9 in Piazza della Repubblica per la tradizionale colazione alpina a base di pane e acciughe al verde che ha fatto da apripista alla giornata. Momento solenne alle 10 con l’alzabandiera sulle note dell’inno di Mameli ha dato il via ufficiale alla manifestazione. A seguire i saluti del capogruppo Mario Petrini che in un breve discorso ha voluto ringraziare tutti i presenti e gli alpini del gruppo per il grande supporto che danno in ogni occasione. Un saluto è andato anche al nuovo Presidente sezionale Guido Vercellino.

A seguire ha preso la parola il Sindaco Claudio Gambino. “Innanzitutto  – ha esordito – voglio augurare ai nostri alpini borgaresi un buon compleanno per le ottantaquattro candeline e per lo spirito sempre gioviale che mostrano in ogni occasione“. Dopo le orazioni è partito il corteo per le vie cittadine con le deposizioni di corone di fiori alla lapide di Palazzo Civico e al monumento ai Caduti. Alle 11, nella chiesa dei santi Cosma e Damiano si è tenuta la solenne messa per ricordare tutti gli alpini che nel corso degli anni “sono andati avanti”. Con la preghiera dell’alpino letta al termine della funzione religiosa si è chiusa la prima parte della manifestazione. Alle 12,30 si è aperto in via Stura, nella sede delle penne nere borgaresi, il raduno conviviale, dove oltre 100 persone hanno dato vita ad un pomeriggio all’insegna del divertimento e dell’alpinità. Durante il pranzo il gruppo ha donato al parroco Don Stefano Turi la raffigurazione di una Madonna serigrafata a mano, mentre il Sindaco ha regalato al capogruppo Petrini una fotografia raffigurante la sede degli alpini nell’anno di fondazione.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio