Protocollo Antismog: per il momento evitate misure più restrittive sulla circolazione


BORGARO – Dopo un paio di giorni di “respiro” le previsioni indicano nuovamente i valori delle polveri sottili al di sopra della media dei 50 µg/m³.

di Giada Rapa

Forse a causa – o grazie – alle festività legate al nuovo anno, nei giorni 5 e 6 gennaio, presso il Comune di Borgaro i valori relativi alla presenza delle polveri sottili sono scesi al di sotto dei 50 µg/m³ dando un po’ di “respiro” ai cittadini e permettendo alla circolazione delle automobili di riprendere con regolarità così come previsto dal Protocollo Operativo per l’attuazione delle Misure Urgenti Antismog. Purtroppo però le previsioni dei prossimi giorni riportano i valori al di sopra di quanto consentito, con il rischio di nuove limitazioni del traffico nel caso in cui la situazione si protragga per 7 giorni consecutivi. In tal caso, se il livello del semaforo antismog dovesse virare al giallo, a partire da sabato 14 gennaio, potrebbe nuovamente entrare in vigore il blocco di tutti i veicoli a benzina, diesel e GPL con omologazione precedente all’euro 1 e quelli con motore diesel con omologazione precedente all’euro 4. Ricordiamo che i colori di allerta sono 4: giallo, arancione, rosso cinabro e rosso vivo. I livelli di questo semaforo, chiamato anche “cruscotto”, sono consultabili al seguente indirizzo http://www.arpa.piemonte.gov.it/export/bollettini/cruscotto.pdf


Commenti

commenti