Mathi al lavoro per l’imminente Carnevale


I festeggiamenti prenderanno avvio venerdì 4 febbraio. Circa una quindicina i carri allegorici provenienti da tutto il Piemonte. Oltre 2 mila i figuranti che sfileranno lungo le strade del paese.

di Cristiano Cravero

Mathi – Il conto alla rovescia è partito. Manca meno di un mese al Carlevà ‘d Mathi, che torna domenica 5 febbraio dopo cinque anni di assenza. La sfilata, organizzata per la prima volta nel 1947, spegnerà le sue prime 70 candeline. Saranno una quindicina i carri allegorici presenti, provenienti da ogni parte del Piemonte, oltre a diversi gruppi a piedi come la Società Filarmonica Mathiese Principessa Jolanda, la banda folkloristica di Barge, la banda con majorettes La Vigoneisa, la General Vincent Marching Band di San Benigno, i tamburini e gli sbandieratori De Archatoribus di Fiano e gli Os Cariocas, gruppo di coreografie caraibiche di Volpiano. In totale, quindi, ci saranno oltre duemila persone per una sfilata che si preannuncia veramente ricca e spettacolare.

Cambiano anche le maschere tradizionali del paese, che apriranno il corteo: il Filandè e la Bela Filandera, quest’anno, saranno impersonati dai giovani Jacopo Lenti ed Elisa Sopetti. Il percorso, poi, sarà lo stesso dell’ultima edizione: la partenza è prevista attorno alle 14,30 in via Trieste, poi il corteo proseguirà lungo via Borgonuovo e via Santa Lucia. L’ingresso sarà a pagamento: il costo del biglietto è di 4 euro, gratis invece per tutti i bambini sotto il metro di altezza. “Purtroppo non abbiamo avuto altra scelta – commenta il Presidente del Comitato Carnevale, Marco Vottero – altrimenti le spese sarebbero davvero insostenibili e saremmo stati costretti a rinunciare, anche questa volta, alla manifestazione. Non abbiamo altri introiti: l’unica soluzione, quindi, è chiedere un contributo a tutti coloro che vorranno assistere alla sfilata. Possiamo assicurarvi fin da ora che ne varrà la pena”.

I festeggiamenti si apriranno ufficialmente nella mattinata di venerdì 3 febbraio, quando le maschere faranno visita ai bambini dell’asilo infantile Varetto e agli studenti delle scuole elementari e medie del paese. Sabato 4 febbraio, invece, la festa si sposterà all’oratorio San Raffaele, per un pomeriggio all’insegna dell’allegria e del divertimento con il Mago Miki e la distribuzione della cioccolata calda per tutti i partecipanti: nell’occasione, inoltre, ci sarà l’investitura ufficiale del Filandè e della Bela Filandera con la consegna delle chiavi del paese da parte dell’amministrazione comunale. Il clou, ovviamente, sarà domenica 5 febbraio, con la sfilata dei carri allegorici e dei gruppi folkloristici. “Invitiamo tutte le maschere storiche dei paesi limitrofi e non solo a partecipare – conclude Vottero – per rendere ancora più bello il nostro Carnevale, che speriamo possa essere ancora più spettacolare e coinvolgente rispetto al passato”. Per restare aggiornati su tutte le novità del Carnevale di Mathi è possibile visitare la pagina Facebook Carlevà ‘d Mathi.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio