Un progetto dell’Unione Europea rivolto allo sport per l’inclusione dei migranti


BORGARO – Si terrà il 17 marzo presso la sala consigliare di Palazzo Civico una round table che fornirà un primo contatto con le realtà che svolgono attività sportive come strumento per il raggiungimento dell’inclusione sociale dei cittadini di differenti etnie.

di Giada Rapa

Lo sport come mezzo di inclusione sociale. È questo il tema di SPINSPort per l’INclusione – progetto co-finanziato dal programma Erasmus Plus 2014-2020 dell’Unione Europa, che punta sull’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport, a cui ha aderito anche il Comitato UISP Piemonte.

Una prima round table sull’argomento si terrà venerdì 17 marzo a partire dalle ore 9.30 presso la sala consigliare del Comune di Borgaro, alla presenza del Sindaco Claudio Gambino e di altre autorità del territorio. Interverranno professionisti e membri delle diverse associazioni no-profit coinvolte nel progetto: l’Euroregion Pyrenees Mediterranean, l’Uisp Piemonte, l’Uniò de Consells Esportius de Catalunia, l’Union Sportive de l’Enseignement du Premier Degré di Montpellier e la spagnola Universitat Rovira I Virgili di Tarragona, al fine di stabilire un quadro completo della situazione, permettendo di identificare le carenze in ogni regione aderente ed esplorare strategie atte a risolverle.

Inoltre, sempre nell’abito dei progetto, nelle giornate precedenti verranno intervistati gruppi di operatori, migranti e giovani che condivideranno le loro esperienze sul tema dell’integrazione nelle sue diverse sfaccettature.


Commenti

commenti