Borgaro: campi estivi all’insegna dello sport per Labor Volley e Lo.Vi Basket


Prima esperienza per la società di pallavolo, seconda prova per quella di pallacanestro. Grande partecipazione per entrambi, tra passione e divertimento.

di Giada Rapa

Borgaro – Giugno e luglio sono, da sempre, i periodi migliori per organizzare campi estivi. Sono diversi i campi organizzati sul territorio borgarese e da realtà borgaresi, alcuni ottenendo un grande successo nonostante la giovane esperienza in questo settore, come la Labor Volley e la Lo.Vi Basket.

La società di Volley, dall’11 al 30 giugno, ha dato vita al suo 1° campo estivo dove ovviamente la pallavolo è stata protagonista. Tre settimane in cui atleti e atlete si sono cimentati in allenamenti, attività creative, giochi e balli, creando un ambiente fatto di passione e divertimento che ha contagiato bambini, staff e anche genitori. “Non è mai facile partire da zero, vista anche la presenza di numerosi altri centri estivi, ma grazie ad una spettacolare macchina organizzativa si è messo in moto qualcosa di speciale. Una media di 40 iscritti a settimana con il picco nella seconda, dove si è toccato quota 45 e 11 allenatori, che si sono dedicati alla crescita sportiva puntando sempre sulla qualità, ma anche ad ogni altra esigenza dei bimbi e bimbe presenti, la cui età variava tra i 7 e i 13 anni” ha commentato lo staff, soddisfatto del successo ottenuto. “Non vediamo l’ora di poterlo riproporre l’anno prossimo con tante bellissime novità”.

Non alla prima esperienza, invece, la Lo.Vi Basket, che ha proposto per il 2° anno consecutivo il Camp ad Etroubles in collaborazione con Conte Verde, dal 1° al 14 luglio. “Due settimane di campo, la prima dedicata ai più piccoli, la seconda ai ragazzi un po’ più grandi, 80 partecipanti, 56 gare di tiro, 33 gare di 5×5, 3 sveglie del coraggioso, ovvero alle 5.30 per i grandi e 6.30 per i piccoli, 90 ore di gioco e 115 km percorsi mediamente da ogni istruttore. Sono questi i numeri del nostro Camp, che comunque non potranno mai descrivere appieno tutte le emozioni vissute” hanno commentato gli organizzatori. “Come società – ha sottolineato la Lo.Vi ringraziando anche tutto lo staff – siamo orgogliosi di come i nostri 30 elefantini, nati tra il 2006 e il 2009, si sono presentati e per come hanno vissuto questa incredibile e pazzesca esperienza, non solo di sport, ma anche di vita”. E una delle esperienze più particolari sarà stata sicuramente l’escursione al Passo del San Bernardo, dove i ragazzi si sono ritrovati a giocare con la neve.


Commenti

commenti