VOLONTARIATO – CAMBIO AL VERTICE NELLA SEZIONE DELLA CROCE VERDE BORGARO-CASELLE


Intervista ad Angela, nuova Responsabile territoriale dell’ente, e a Fabio, colui che in precedenza ha occupato il posto per tre anni. Come sempre a raccontarci questo spezzone è uno dei fondatori del gruppo.

di Mauro Giordano

Lo statuto sociale della Croce Verde Torino, da cui dipende la locale Sezione di Borgaro-Caselle, prevede che ogni tre anni vi siano le elezioni degli organi che governano l’istituzione. Vengono così eletti il Presidente, il Direttore dei Servizi e i Consiglieri, i quali formano il Consiglio Direttivo che deve rispondere di tutta l’attività dell’associazione ed in specie deve rispondere alla Regione Piemonte, ente con il quale vige la convenzione per il servizio del 118 Piemonte Soccorso. Da tutto questo impianto organizzativo discende anche la nomina del cosiddetto Responsabile di Sezione, un milite volontario che, oltre a svolgere il suo servizio notturno e festivo in squadra, coordina tutta l’attività dei volontari, destina i nuovi arrivi, provvede alle nomine dei Responsabili di squadra, insomma svolge una attività di “manager” . Il suo lavoro può essere paragonato ad un Responsabile del personale di una media azienda commerciale. Così, anche presso la Sezione di Borgaro-Caselle, qualche settimana fa è avvenuto l’avvicendamento dei Responsabili. Dopo tre anni Fabio ha passato il testimone ad Angela. Quando componiamo il 118 (che ora è 112) non pensiamo di chi sia quella voce che ci dice :”Piemonte soccorso“; fra tutte le anime che compongono questo universo ci sono anche Fabio ed Angela.

Fabio quale esperienza hai tratto da tre anni di “lavoro “da responsabile? La mia è stata una esperienza a tutto tondo, che si è riversata anche nel mondo lavorativo. Estremamente positiva, anche se molto, molto impegnativa.

E tu Angela come sei approdata “in prima fila”? Ero Viceresponsabile da ben sei anni , prima con Luca, poi con Fabio, quindi questo incarico è un percorso di continuità.

Quali sono le tue aspettative? Vorrei proprio riuscire a servire i militi della Sezione in modo da far funzionare meglio tutto l’apparato, dare una mano a loro stessi se in difficoltà, ma mi aspetto anche tanta collaborazione da loro. Critiche si, ma costruttive e proposte concrete.

Come pensi di organizzare la Sezione sotto la tua guida? Innanzitutto ho immediatamente nominato due Viceresponsabili, Renato (un veterano) e Tommaso. Con loro c’è unità di intenti ed abbiamo deciso di nominare una serie di Responsabili che procedano alla organizzazione di tutte le attività correlate a quella principale.

Quali sono queste attività correlate? Ad esempio ci vuole un Responsabile delle ambulanze che deve curare l’efficienza dei mezzi, la manutenzione e il lavaggio, le attrezzature sanitarie ecc. Nomineremo un Responsabile del magazzino per i vestiari e le attrezzature. Avremo persino due militesse che si occuperanno delle bacheche sulle quali vengono affissi giornalmente i comunicati più importanti: da quelli del 118 a quelli degli enti pubblici, tipo Comune, Città Metropolitana ecc. Infine, nominerò tre ragazze che dovranno occuparsi della comunicazione, in sintonia con la Sede di Torino. Questa attività è del tutto nuova ed è propedeutica all’informazione verso i cittadini, con l’intento di raccogliere nuove adesioni. Ho intenzione di nominare ancora altri Responsabili, sempre nell’ottica di creare riferimenti certi e ottimizzare l’organizzazione.

Come pensi si possa incrementare il numero delle risorse militi che compongono la “tua” Sezione? Credo molto in questa nuova funzione di comunicazione che si andrà a perfezionare con la Sede di Torino, anche se sono consapevole che non è per nulla facile. Spero sempre che qualche persona varchi questa porta per dire: “Sono qui per venire in Croce Verde”, ma queste sono sempre meno…

E tu Fabio rimpiangi qualche cosa che non hai potuto realizzare nel tuo triennale? Tra le cose che volevo fare era una collaborazione con la Parrocchia di Borgaro per chiedere aiuto con l’ausilio del Parroco. Purtroppo mi è mancato il tempo, anche e sopratutto per le mie frequenti e lunghe trasferte in Cina ed in Polonia per lavoro. Anzi devo qui ringraziare Angela che mi ha sostituto benissimo in tutto queste mie assenze.

Quali consigli puoi dare ad Angela? Angela conosce meglio di me la Sezione, ed è bravissima. Il miglior consiglio rimane quello della imparzialità verso tutti, nessun pettegolezzo e guardare avanti per il bene della Croce Verde.

Il dialogo continua lungo ed interessante, lo spazio non ci permette di proseguire oltre, tuttavia è bello pensare che ci sarà sempre una penna per scrivere il futuro, ma non ci sarà mai una gomma per cancellare il passato. Guardiamo sempre avanti, ma non dimentichiamo da dove arriviamo. Con questo, ci piace complimentarci con Fabio: lui c’era ed ha svolto il ruolo di Responsabile per tre anni ed ora rientra nei ranghi del milite soccorritore. Lasciamo l’onere del futuro ad Angela e con piacere scriveremo sempre di lei e del suo “lavoro “, con l’inchiostro più verde che c’è. La Croce Verde è nel cuore di tutti e noi vogliamo essere vicini alla istituzione ed ai suoi militi volontari. A Fabio e ad Angela complimenti ed auguri a partire dalla Redazione e dai lettori di SullaScia.net e da tutti i cittadini di Borgaro e Caselle. A volte ci dimentichiamo dei nostri angeli custodi, dando per scontato che tutto ci sia dovuto. Ma non è così. Quanto servono persone di buona volontà. Vogliamo ancora una volta provare a dire ai tanti in cerca di un perché di provare ad affacciarsi alla Croce Verde. Il segreto per andare avanti è partire.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio