Borgaro: Consiglio Comunale in presenza, ma senza pubblico, né giornalisti


Anche se Sindaco, assessori e consiglieri si sono riuniti per la prima volta nella nuova sala, il Presidente Luigi Spinelli ha preso la decisione di non ammettere gli “esterni”.

di Giada Rapa

E’ uscito il numero di giugno di SullaScia.net LEGGI IL GIORNALE / SCARICA IL GIORNALE

Per la prima volta dopo più di un anno, il Consiglio Comunale di Borgaro è tornato a essere svolto in presenza, in una sala completamente rinnovata e ammodernata, con un sistema di videoregistrazione che ha permesso di seguire l’assise in streaming. Questo perché, anche se Sindaco, assessori e consiglieri si sono riuniti, il pubblico e i giornalisti sono rimasti fuori per decisione del Presidente del Consiglio Luigi Spinelli. “È stata un’assunzione di responsabilità al fine di tutelare la salute pubblica”, ha spiegato Spinelli all’inizio dell’incontro sottolineando che non c’è alcuna intenzione di mettere il bavaglio ai giornalisti. Pur comprendendo la necessità di mantenere le dovute precauzioni, il Gruppo Latella ha espresso la mancata condivisione di escludere dal Consiglio gli addetti ai lavori, dal momento che in passato la nuova sala ha già accolto i giornalisti.

Il primo Consiglio in presenza non ha visto un particolare dibattito, con l’approvazione -nonostante la contrarietà dell’opposizione- della variazione in via d’urgenza al Bilancio di Previsione 2021-2023 e la variazione al Bilancio di Previsione 2021-2023. Unanimità, invece, in merito all’approvazione delle modifiche al Regolamento in materia di TARI, del nuovo Regolamento di Contabilità -che non veniva aggiornato dal 2005 e che ha inserito la possibilità di presentare emendamenti al Bilancio entro il 3° giorno dalla convocazione del Consiglio- e l’autorizzazione al permesso di costruire in deroga, trasformando il fabbricato in disuso ubicato tra via Lanzo, via Lombardia e via Liguria in un’area ludico-sportiva con 4 campi da paddle.

Maggiormente dibattuto, invece, è stato il punto relativo al Piano Finanziario del Servizio di Gestione dei Rifiuti. “Importanti sono le agevolazioni che ormai concediamo da qualche anno e che definiamo sociali” ha sottolineato l’assessora al Bilancio Federica Burdisso, riferendosi alla riduzione -sulle utenze domestiche- del 50% per i soggetti con ISEE pari o inferiore a 6 mila euro e del 30% per i soggetti con ISEE compreso tra 6 mila e 10 mila euro. “Andiamo ad approvare anche le agevolazioni legate all’emergenza CoVid, stanziando 166.351 euro che serviranno invece a coprire le riduzioni per le utenze domestiche e non domestiche del 10%, per coloro che non sono in regola con i pagamenti della tassa rifiuti,, e del 50% per chi è in regola fino al 2020”. Pur non essendo completamente favorevoli alla linea intrapresa dall’amministrazione -richiedendo da un anno la riduzione di 2/3 sulle utenze non domestiche, il Gruppo Latella ha riconosciuto gli sforzi fatti in tal senso, scegliendo di astenersi in fase di votazione.


Commenti

commenti