Caselle: inaugurata la nuova sala de La Forgia


Sabato 28 gennaio, il circolo culturale ha organizzato il taglio del nastro nei nuovi locali di via Teatro 13. Allestita anche una mostra dell’artista Piero Ferroglia che sarà ancora visitabile il 4 e 5 febbraio.

di Alessia Sette

Caselle – Il circolo culturale La Forgia, che da anni promuove iniziative rivolte alla rivalutazione delle tradizioni locali e della cultura piemontese, sabato 28 gennaio ha inaugurato la nuova sede nei locali di via Teatro 13 con il classico taglio del nastro alla presenza del Sindaco Luca Baracco e dell’assessora alla Cultura Erica Santoro. La sede, inoltre, ha ricevuto la benedizione da parte di Don Giovanni. La serata è stata un’occasione di festa, durante la quale i partecipanti hanno potuto ammirare anche la mostra dell’artista Piero Ferroglia, che resterà aperta il 4 e il 5 febbraio dalle ore 10 alle ore 12 e dalle 16 alle 19, mentre tutti i restanti giorni su appuntamento.

Piero Ferroglia

“Vedere tanta gente che ci ha fatto visita non può che rallegrarci e spronarci a fare sempre meglio per la collettività” ha dichiarato il Presidente de La Forgia Michele Faugno. “In programma abbiamo diverse manifestazioni – ha aggiunto – tra cui le serate a tema bollito, la fagiolata degli innamorati il 12 febbraio alle ore 12 e il 21 febbraio la serata trippa dalle ore 20,30. Inoltre, durante la festa patronale di Caselle, precisamente il 19 settembre alle ore 20,30 organizzeremo la serata paella: per tutti questi eventi occorre prenotarsi presso Gianni Rubes. Per tenere a mente tutti gli eventi programmati è possibile chiedere gratuitamente anche il nostro calendario in piemontese”. L’associazione sarà attiva anche in altre occasioni: il 6 maggio con lo spettacolo musicale Torino è…. con Elis Calegaris, il 21 ottobre con lo spettacolo musicale con Pino Serra, il 29 ottobre con la festa dell’associazione per il 45° anno di fondazione, il 18 novembre con la serata di teatro piemontese e infine per il 16 dicembre è prevista serata con la tradizionale La Vijà.


Commenti

commenti

Alessia Sette