Caselle: bookcrossing itinerante per la Biblioteca Jella Lepman


Nonostante il periodo di restrizioni, la struttura e i Servizi Giovani della città non hanno voluto rinunciare al tradizionale appuntamento natalizio, proponendolo in una forma diversa.

dalla Redazione

Diverso nella forma, ma non nella sostanza. Anche quest’anno, nonostante il periodo particolare che stiamo vivendo, la Biblioteca civica Jella Lepman non ha voluto rinunciare al tradizionale appuntamento di Bookcrossing natalizio, che generalmente si svolgeva sotto i portici di Palazzo Mosca con centinaia di libri ordinatamente disposti sotto un abete.

L’obiettivo dell’iniziativa -portata avanti dalla struttura nella persona della responsabile Tiziana Ferretino– è sempre lo stesso: regalare un libro a scatola chiusa, lasciando che non siano i gusti personali a indirizzare la scelta, ma la casualità. Magari per scoprire un genere letterario al quale mai avremmo pensato di appassionarci, o forse per approcciarci a una storia che in un particolare momento della nostra vita potrebbe aiutarci a superare le difficoltà. E mai come quest’anno i libri si sono rivelati amici preziosi. Inizialmente previsto per la Vigilia di Natale, a causa delle restrizioni imposte dall’ultimo DPCM il Bookcrossing si è svolto in forma itinerante proprio per evitare assembramenti.

I ragazzi dei Servizi Giovani hanno distribuito i libri tra le piazze e le vie del centro, per augurare un buone feste all’insegna della lettura e della cultura. “Per noi che crediamo fortemente nel potere della lettura, un libro è il miglio modo di stare vicini” hanno dichiarato gli organizzatori.


Commenti

commenti