San Maurizio Canavese: solidarietà per l’Ucraina da parte dell’Istituto Comprensivo


Molte le istituzioni scolastiche del territorio che hanno accolto l’invito del Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, al fine di riflettere sull’art. 11 della nostra Costituzione..

di Francesca Venuti

NUMERO DIGITALE SULLASCIA.NET DI FEBBRAIO LEGGI IL GIORNALE SCARICA IL GIORNALE

In questo periodo, durante il quale non siamo ancora completamente usciti dall’emergenza sanitaria causata dal CoVid-19, ci troviamo a guardare con il fiato sospeso gli sviluppi del conflitto tra Russia e Ucraina.

Oltre alle diverse iniziative umanitarie, anche gli Istituti Comprensivi del territorio sono scesi in campo, accogliendo l’appello del Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, che ha invitato le scuole di tutta Italia a riflettere sull’art. 11 della Costituzione Italiana. “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo”.

All’interno dell’Istituto Comprensivo di San Maurizio Canavese gli alunni di tutte le classi sono stati impegnati in momenti di discussione e confronto con i docenti, con attività mirate a informare e sensibilizzare sul tema della guerra. Nella mattinata di mercoledì 2 marzo gli allievi hanno anche partecipato alla diretta streaming proposta dalla Tecnica della Scuola sull’articolo 11 della Costituzione “L’Italia ripudia la guerra – un’iniziativa per la pace”. Tutti inoltre hanno contribuito alla realizzazione della Bandiera della Pace esposta all’esterno dei plessi. Buona partecipazione anche da parte delle famiglie, che hanno contribuito alla raccolta di beni di prima necessità -tenutasi venerdì 4 e lunedì 7 marzo- che verrà consegnato al Sermig – Arsenale per la Pace di Torino.

I bambini, le famiglie e tutti coloro che operano all’interno dell’istituzione scolastica non si sono tirati indietro e sono sempre disposti ad aiutare: nella speranza che questo terribile conflitto possa concludersi in tempi brevi.


Commenti

commenti