Sul nuovo municipio i mappanesi chiedono i conti


Si è tenuto ieri sera un incontro, promosso dal comitato per Mappano Comune, per “presentare” il nuovo ente. Assenti i sindaci di Borgaro, Caselle e Leinì per “prudenza politica”. Nel dibattito aperto ai cittadini, diverse perplessità riguardo i costi economici.

di Giada Rapa

Mappano – C’è stata grande partecipazione di pubblico per l’incontro organizzato ieri sera, venerdì 31 marzo, dal comitato per Mappano Comune . Tuttavia, nonostante il forte significato istituzionale dell’evento, che si è svolto nella sala Lea Garofalo del CIM, è mancata la presenza sia dei sindaci dei comuni cedenti territorio, Borgaro, Leinì e Caselle, sia del commissario prefettizio, Giuseppe Zarcone, per “prudenza politica” come ha spiegato il Presidente del comitato Francesco Grassi. “Ho sentito  – ha aggiunto Grassi – in modo particolare il Sindaco Claudio Gambino e posso affermare che si sta lavorando per raggiungere un accordo e che c’è un certo ottimismo, anche se non c’è alcuna certezza. In ogni caso spero che questa sia la nostra ultima assemblea pubblica e che la prossima volta ci ritroveremo in un Consiglio Comunale”.

Nel corso della serata sono state ripercorse alcune tappe fondamentali della lunga vicissitudine di Mappano, affrontante anche dal punto di vista legale, grazie alla presenza dell’avvocato Antonio Ferrara, e da quello della Città Metropolitana con il Vicesindaco Marco Marocco. Al termine degli interventi degli oratori, è seguito un dibattito in sala piuttosto acceso, soprattutto quando è stato affrontato il tema dal punto di vista economico. “Il problema c’è e la valutazione dei costi è senza dubbio reale, ma se Mappano ha fatto per tutti questi anni una battaglia per ottenere l’autonomia un motivo c’è” ha ancora dichiarato Grassi.

“Siamo di fronte a una data storica che non possiamo lasciarci scappare – ha sostenuto un cittadino mappanese – e non dobbiamo creare allarmismo o atti di terrorismo”. A concludere la serata è stato l’intervento di Sergio Cretier, consigliere comunale di Caselle. “Sembra che sia più facile per l’Inghilterra uscire dall’Unione Europea che per Mappano diventare Comune” ha esordito. “È importante rispettare tutte le entità in gioco, altrimenti chi si sentirà maggiormente penalizzato opterà per un ricorso legale. Per quanto riguarda il problema economico, secondo le simulazioni Mappano risulta essere in linea con comuni di pari dimensioni. Toccherà ai mappanesi fare scelte furbe ed eleggere persone capaci”.


Commenti

commenti