Mappano: l’amministrazione ha incontrato una delegazione di Poste Italiane


Durante l’incontro è stata trattata la difficile situazione dell’attuale ufficio del territorio, nonché dei disservizi a esso collegati. Un miglioramento della situazione verrà valutata nei prossimi mesi.

dalla Redazione

LEGGI IL GIORNALE / SCARICA IL GIORNALE digitale di Sullascia.net

Nelle settimane precedenti abbiamo parlato in diverse occasioni dei disservizi dell’Ufficio Postale di Mappano, che ha originato anche una raccolta firme. Dopo alcune richieste di incontro, la settimana scorsa una delegazione dell’amministrazione comunale ha incontrato dei funzionari dell’ente al fine di affrontare la tematica.

“Durante l’incontro -scrive il Sindaco Francesco Grassi attraverso la sua Pagina Facebook- abbiamo presentato la situazione attuale dell’ufficio, parlato dell’unificazione del Codice Postale 10079 avvenuta dopo l’insediamento di questa amministrazione, della necessità di procedere a migliorare i servizi e di valutare una ricollocazione dei locali in un ambiente più ampio, a beneficio degli utenti e del personale”. In tale frangente i dirigenti di Poste Italiane hanno rilevato margini di miglioramento per i servizi, anche se al momento non risulta possibile pensare a uno spostamento della sede: questo potrà infatti essere un obiettivo a medio termine, non attuabile nel prossimo biennio a causa dell’attuale razionalizzazione dell’ente.

Stefania Tomain in particolare, responsabile dell’area in cui è compreso il nostro Ufficio Postale, ha condiviso la nostra visione sulla possibilità di crescita del nostro territorio, legata alla nascita del nuovo Comune e alla posizione strategica in ambito metropolitano. Ha inoltre manifestato la disponibilità a lavorare in sinergia con il Comune nell’interesse della comunità locale e dello sviluppo di Poste Italiane a favore dell’utenza e del proprio personale” spiega ancora Grassi.

Nei prossimi mesi ci saranno quindi ulteriori incontri, al fine di affrontare un piano di miglioramento a livello di servizi e continuare a lavorare sull’ipotesi di ricollocazione in collaborazione con l’amministrazione comunale.


Commenti

commenti