L’associazione “Cercando Fabrizio e…” si racconta al Salone del Libro di Torino


Il gruppo, che si occupa delle persone scomparse, anche quest’anno è presente alla kermesse torinese per raccontare il fenomeno dell’attesa attraverso le antologie del Concorso Letterario dedicato a Fabrizio Catalano.

di Giada Rapa

Torino – Amava la scrittura, Fabrizio Catalano. Chi lo conosceva bene afferma che “attraverso il linguaggio poetico e magico delle parole, sapeva esprimere il suo mondo interiore di forza e generosità, apertura e accoglienza”. Di Fabrizio, abitante a Collegno (TO) si sono perse le tracce il 21 luglio 2005, ma da quel momento i suoi genitori non hanno mai smesso di cercarlo, organizzando ogni iniziativa possibile.

Tra queste anche il Concorso Letterario “Caro Fabrizio ti racconto di un’attesa”. La prima fase, conclusasi lo scorso 30 aprile, ha visto l’arrivo di centinaia di racconti provenienti da tutta Italia, dove gli autori hanno illustrato i mille volti di un’attesa. “Attesa nel vedere realizzati i propri sogni, nel raggiungere un obiettivo, nel compimento di un traguardo. Attesa di una persona cara, di un dono, la pazienza di saper aspettare. Non ultima, l’attesa di chi aspetta un ritorno… unendosi così alla famiglia e agli amici di Fabrizio che dal 2005 vivono un’attesa senza resa”. Inoltre, a partire dallo scorso gennaio, l’associazione ha intrapreso un percorso di scrittura creativa all’interno delle scuole del Piemonte, che ha ottenuto un’inaspettata partecipazione. La proclamazione dei vincitori del Concorso è fissata per il 21 luglio, in seguito alla quale i racconti saranno pubblicati sul sito dell’associazione, mentre la premiazione si terrà il 2 dicembre.

Copie delle antologie dei racconti delle passate edizioni del Concorso Letterario dedicato a Fabrizio Catalano si potranno trovare al Salone del Libro di Torino, che si svolgerà al Lingotto Fiere fino a domani lunedì 22 maggio, nel Padiglione 1 D 62 – E 59 Stand Vol.TO.

 


Commenti

commenti