Un Consiglio di Interpellanze e Interrogazioni


Quello del 14 maggio è stato un consiglio comunale ricco di interpellanze e interrogazioni, a tal punto che le opposizioni hanno deciso di ritirarne una a testa: quella relativa al biodiesel per il gruppo Latella, quella sulla ripresa in streaming del M5S.

di Giada Rapa

BORGARO – Quello del 14 maggio è stato un consiglio comunale ricco di interpellanze e interrogazioni, a tal punto che le opposizioni hanno deciso di ritirarne una a testa: quella relativa al biodiesel per il gruppo Latella, quella sulla ripresa in streaming del M5S. La prima è stata la questione della discarica abusiva segnalata nel circolo “L’Isola del Pescatore” e delle modalità di intervento sulla gestione dei rifiuti presentata dal M5S. “Purtroppo quella delle discariche abusive è una realtà non da poco -afferma il vice sindaco Federica Burdisso- ma stiamo facendo il possibile collaborando con il comandante dei vigili per cercare di ridurre al minimo questa situazione. Mi rendo conto che l’inciviltà della gente non conosce limiti, per questo stiamo lavorando alla creazione regolamento ad hoc per intervenire sul nostro territorio”. Successivamente il Gruppo Latella ha presentato la richiesta di chiarimenti da parte della sig.ra Anedda, portando in consiglio una questione già affrontata sui giornali, e la questione di alcuni mancati pagamenti da parte dell’associazione Pro Logo per eventi del 2013. “È un debito che si intende onorare” ha rassicurato il sindaco. Le ultime due interrogazioni portavano la firma del M5S: una riguardante l’istituzione di tavolo tecnico di ludopatia e una inerente alla riorganizzazione della polizia locale. Per quanto riguarda la prima interrogazione l’assessore Chiancone ha assicurato che il tavolo verrà convocato prima dell’estate, seguendo anche le delibere attuate in altri comuni, come quello di Settimo Torinese. Sul mancato servizio serale dei vigili urbani si è espresso il sindaco Gambino. “L’8 giugno un agente darà le dimissioni e non abbiamo la possibilità di assumerne un altro. Con 9 agenti non è possibile effettuare un buon servizio serale, per questo abbiamo deciso di avvalerci della possibilità di organizzare un servizio su Mappano con agenti di Borgaro e Caselle”.
Subito dopo c’è stata l’approvazione del Regolamento per il conferimento della Cittadinanza Onoraria discussa nella Commissione Affari Istituzionali e unita alla Pubblica Onorificenza. Verranno istituiti due albi distinti e come segno onorifico verrà consegnata una pergamena. Due invece sono stati i provvedimenti tecnici inerenti l’approvazione dell’aliquota e della soglia di esenzione 2015, nonché l’approvazione delle aliquote e delle tariffe per l’anno 2015 della I.U.C. Nessuna novità per quanto riguarda l’Irpef, che rimane allo 0,75xmille, mentre la soglia di esenzione passa da 20.000 a 17.000 euro. Rimane invariata anche l’IMU, così come la TARI per i privati, mentre per i commercianti aumenterà del 17%. Viene invece aumentata la TASI nella misura del 50%. Contraria a queste nuove disposizione l’opposizione, per la quale si va ulteriormente a penalizzare il commercio. Successivamente c’è stata la nomina dell’architetto Gioacchino Jelmini in qualità di componente borgarese per la Commissione Locale per il Paesaggio. Durante la votazione l’opposizione è uscita dall’aula.
Per ultima è stata affrontata la mozione presentata dal Gruppo Latella riguardante la chiusura campo rom abusivo, nonché la regolamentazione del campo autorizzato rendendolo un campo di sosta temporanea. “Dobbiamo assolutamente trovare una soluzione senza bandiere politiche” ha spiegato la consigliera Cristiana Sciandra. Concorde il sindaco Gambino, che nonostante i “progressi degli ultimi mesi ammette che si deve ancora lavorare. “Sono andato 3 volte, di cui 2 in quello autorizzato e ho visto le condizioni in cui vivono. Ho sottolineato già più volte in commissione sicurezza la necessità di sgomberare il campo abusivo, per questo dobbiamo continuare a lavorare con le autorità competenti, continuare a denunciare ogni fatto” ha dichiarato. Alla fine sembrava che la mozione potesse essere approvata attraverso alcune modifiche, che il gruppo Latella era pronto ad apportare. Le cose però sono andate diversamente e la mozione è stata respinta, anche dal M5S. “Così com’è presentata sembra che chiudendo il campo abusivo si risolvano il problemi della linea 69” ha commentato la consigliera Cinzia Tortola.


Commenti

commenti