Caselle: sovraccarico di energia elettrica, ecco cosa fare per farsi rimborsare


1Alcune sere fa si è verificato uno squilibrio nella rete di Enel Distribuzione. Diversi cittadini che vivono nella zona di via alle Fabbriche e via Venaria hanno subito guasti e danneggiamenti agli elettrodomestici.

Caselle – Prima dell’inizio del Consiglio Comunale, nella mezz’ora dedicata ai cittadini, alcune persone sono intervenute per chiedere informazioni sul sovraccarico di energia elettrica che si è avuto in alcune zone della città l’8 aprile scorso e di che tipo di supporto l’amministrazione comunale intende dare alle famiglie che hanno subito danni a televisori, frigoriferi, lavatrici, computer ed impianti domestici vari.. A queste domande ha risposto il Sindaco Luca Baracco, il quale ha affermato che ha già avuto contatti con Enel e che lo sbalzo di tensione si è verificato a causa di un cavo deteriorato che l’azienda ha già provveduto a sostituire. “Per quanto concerne la richiesta di risarcimento per i danni subiti – ha aggiunto il primo cittadino – le famiglie interessate devono contattare direttamente Enel Distribuzione anche se non si ha ancora un preventivo di spesa. La comunicazione all’azienda può essere fatta via fax al numero verde 800.046.674 o via mail (solo se si ha una casella di posta certificata) a eneldistribuzione@pec.enel.it o tramite Caselle Postale: 5555-85100 potenza/Enel distribuzione Rivoli.

Sull’accaduto si è mosso anche gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle che sul caso ha presentato un’interrogazione. Nel documento i pentastellati casellesi parlano di danni a carico di un centinaio di persone e anche di alcuni casi di principi d’incendio. I grillini locali, inoltre si stanno attivando per la creazione di una specie di sportello di aiuto al quale tutte le famiglie danneggiate possono rivolgersi per chiedere i risarcimenti a Enel.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio