LA RIFLESSIONE – Dobbiamo avere paura del Presidente Donald Trump?


Perché parlare su un giornale locale di politica internazionale? Perché, siamo sicuri, ogni risvolto globale di primaria importanza ha sempre una ricaduta su ogni singolo luogo del pianeta.

di Marco Cavicchioli

2No, probabilmente non dobbiamo avere paura di Donald Trump. Infatti quello che abbiamo visto fino ad ora (e quello di cui ci sarebbe davvero da aver paura) è solo un personaggio. Creato, diretto ed interpretato da sé stesso. Un personaggio inventato dallo stesso Donald Trump appositamente per vincere le elezioni. Insomma, Trump ha recitato un ruolo (che gli è venuto benissimo) semplicemente perfetto per convincere 60 milioni di americani a votare per lui. Un’interpretazione degna del Premio Oscar, non foss’altro che gli ha già fruttato un altro premio, ben più ambito

3Ora che il “film” delle elezioni è finito Trump probabilmente dismetterà le vesti del personaggio “Trump candidato” e indosserà quelle del “Trump Presidente“. Ora, non c’è assolutamente alcuna ragione per credere che i due personaggi debbano per forza essere simili, ed è invece piuttosto probabile che Donald crei da zero un nuovo personaggio: speriamo che sia perfetto per governare!

Visto quanto è bravo a creare ed interpretare personaggi non ci sarebbe da stupirsi se gli venisse bene anche quello del “presidente”. Certo però che governare in realtà dovrebbe essere tutta un’altra cosa, e non è detto che basti interpretare un personaggio per farlo al meglio. Anche se, a dirla tutta, siamo talmente abituati ad essere governati da “personaggi” (e non da Statisti) che la sua nuova interpretazione potrebbe non essere poi così diversa da quella dei suoi predecessori (vi ricordate il “Presidente di guerra”, vero?).

Quindi non dobbiamo essere preoccupati del Trump che ha vinto le elezioni perché quel personaggio oramai è archiviato. E visto che nessuno sa come sarà il nuovo personaggio di Trump Presidente non ha senso preoccuparsene. Diamogli un paio di mesi di tempo per svelarcelo (ricordo che salirà effettivamente in carica solo a gennaio) e poi potremo finalmente iniziare a giudicarlo anche come Presidente, ovvero la persona che con le proprie scelte può influenzare le vite di tutti noi.

 


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio