Il borgarese Davide Cava tra i finalisti al NTD Television International Piano Competition


A new York, il giovane pianista, oltre ad arrivare tra i primi 6 in un concorso di 250 persone, ha ottenuto una menzione d’onore per la performance eseguita.

di Giada Rapa

13239964_10208283865392576_7542108389436121729_nIl borgarese Davide Cava è un giovane pianista classico che ha iniziato il suo percorso musicale all’età di cinque anni frequentando il Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino, dove si è laureato nel 2014 con il massimo dei voti e la lode. Negli ultimi anni ha partecipato a numerosi concerti nazionali e internazionali, formandosi con i migliori pianisti del mondo attraverso Masterclass di perfezionamento, mentre negli ultimi due Davide sta emergendo come solista in un panorama più ampio, fuori dall’Europa. L’ultimo concorso al quale ha partecipato si è infatti tenuto a New York, arrivando tra i primi 6 finalisti e ricevendo una menzione d’onore.

“Un’esperienza fantastica che è iniziata con una e-mail invitami dal Direttore del Conservatorio questa primavera, che io inizialmente ho accantonato a causa dei tanti impegni di quel periodo. Mi sono ricordato di quella mail mesi dopo, iscrivendomi l’ultimo giorno disponibile. In realtà non avevo grandi speranze di essere ammesso, senza contare che avevo accettato altri incarichi come il tour con l’Orchestra Sinfonica di Asti” racconta il 22enne. A metà agosto Davide ha però scoperto di aver superato l’eliminatoria on-line e che sarebbe volato a New York per le prove live per affrontare altri 249 pianisti.

“Sono partito l’ultima settimana di settembre fermandomi fino ai primi di ottobre, e nonostante una serie di vicissitudini non mi sono mai perso d’animo. Il concorso era ben strutturato, con una prova a eliminazione e altre 3 prove con un programma limitato da scegliere. Coloro che passavano la seconda prova avrebbero dovuto suonare un pezzo commissionato direttamente dall’ente promotore del concorso, la New Tang Dynasty”. Proprio per la sua esibizione sul pezzo commissionato Davide, oltre ad arrivare tra i primi sei finalisti del concorso, si è aggiudicato una menzione d’onore per la Outstanding Performance, con tanto di statuetta e certificato. Nonostante la gioia e la soddisfazione per il traguardo raggiunto, Davide parla della sua esperienza con molta modestia e semplicità. “Ho affrontato le mie prove con massima serietà e impegno, ma non mi sono mai posto in maniera spavalda. Non amo la competizione, perché per me la musica va condivisa e non deve mettere le persone contro”.


Commenti

commenti