LA RIFLESSIONE – Banda ultralarga nella cintura nord del torinese; come siamo messi?


Il termine si riferisce alla velocità di connessione ad Internet. A Mappano arriva, a Borgaro e Caselle no (tranne in aeroporto), a San Maurizio e Ciriè (solo in alcune zone), mentre a San Carlo arriva solo alla scuola, al Comune e all’ufficio postale.

di Marco Cavicchioli

2Ultimamente si sente sempre piè spesso parlare di banda ultralarga, da non confondere  con la “classica” banda larga dell’ADSL. E nemmeno con la banda larga delle connessioni 4G su rete mobile. La banda ultralarga (o cosiddetta fibra ottica) è una connessione ad Internet davvero molto veloce che, per intenderci, raggiunge una velocità di download (scaricamento) di circa cento Mbps (MegaBit per secondo). L’Adsl in genere viaggia a dieci Mbps, mentre il 4G sul telefonino è limitato (in genere uno o tre Gigabytes al mese). La banda ultralarga è importante soprattutto per due applicazioni: quella industriale o professionale (di gran lunga la più importante), e quella legata allo streaming video (mai sentito parlare di Netflix?). Le zone industriali (o quelle in cui operano aziende) non coperte dalla banda ultralarga sono inevitabilmente sfavorite rispetto invece a quelle che lo sono. E’ pertanto una necessità strategica per l’intero Paese dotare queste zone a connessioni Internet sempre connessioni più veloci. Si stima, infatti, che il PIL, il Prodotto Interno Lordo, potrebbe aumentare di alcuni punti percentuali se l’Italia arriverà a dotarsi di un capillare sistema di connessione all’avanguardia.

banda-largaMa il nostro territorio a tal proposito come è messo in termini di banda ultralarga? Iniziamo dicendo che Torino è abbastanza ben coperta, anche se non tutte le zone della città la hanno, ma buona parte sì. A Mappano arriva, cosa che non accade a Borgaro e Caselle (tranne in aeroporto). A San Maurizio sembrerebbe di sì, così come a Ciriè (anche se solo in alcuni quartieri). A San Carlo arriva solo alla scuola, al Comune e all’ufficio postale (altrove no).

Chi volesse scoprire quali zone sono coperte dalla fibra ottica su tutto il territorio nazionale (arriva addirittura a distinguere le singole vie) può collegarsi al sito web www.kqi.it/it/Servizi/FttxAndDsl/Copertura_Fttx.aspx. Cliccando su “ricerca per zona” potete scegliere Regione e Provincia e guardare quali comuni hanno la connessione in fibra ottica. Cliccando sul singolo Comune potete vedere le singole vie coperte.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio