Borgaro: sul bilancio di Previsione 2017/2019 la minoranza va all’attacco


Mentre il Sindaco e la sua Giunta considerano quello stilato “un ottimo documento finanziario”, di diverso parere sono le opposizioni, che si domandano se certi fondi non potessero trovare investimento migliore.

di Giada Rapa

Borgaro – Il previsionale approvato dalla maggioranza una quindicina di giorni fa, oltre ad ignorare l’esistenza di Mappano Comune, prevede molteplici interventi di manutenzione straordinaria su diversi beni pubblici e sulle scuole, ma anche sul CineTeatro in via Italia. Verrà inoltre ristrutturata la facciata del Palazzo Civico – per un importo complessivo di 130mila euro, mentre la tanto citata riqualificazione di via Lanzo quest’anno potrebbe effettivamente iniziare, previa rimodulazione del progetto, grazie al finanziamento di 2 milioni di euro ottenuti dalla Città Metropolitana tramite il Bando Periferie. Spese importanti anche per quanto riguarda i servizi generali, con 760 mila euro per la Polizia Locale e 3 milioni di euro per la Tutela Ambientale. “Inoltre – spiega l’assessore Gianluigi Casotti – abbiamo aumento le spese di assistenza per portatori handicap nelle scuole a causa di una crescente richiesta da parte delle famiglie”. “Abbiamo mantenuto inalterato il livello dei servizi, senza dover aumentare la tassazione” aggiunge il Sindaco Claudio Gambino.

Ma se per la maggioranza meglio di così non si poteva fare, da parte dell’opposizione le critiche non sono certo mancate . Il Movimento 5 Stelle in un comunicato stampa si è espresso in modo duro contro il documento finanziario. “Le azioni da portare avanti rispetto al capitolo economia insediata sono molto deboli: a parte la ridondante riqualificazione di via Lanzo – mantra della precedente amministrazione e di quella attuale – e la nuova area mercatale, il punto di forza sarà la riqualificazione delle aree industriali abbandonate per aprire centri commerciali. Nulla viene detto su azioni di sostegno per le attività commerciali di vicinato, eppure il piccolo commercio, a Borgaro, è in agonia. Grande enfasi per gli investimenti al fine di incentivare le attività sportive, come la realizzazione dei campetti di calcio in via Italia e il rifacimento del tappeto sintetico del centro sportivo Maggioni-Righi, per il quale si ricorda che l’amministrazione eroga da anni un contributo annuale di 11 mila euro”.

Molto critici anche gli esponenti del Gruppo Latella. “Si chieda ai borgaresi se è più importante progettare via Lanzo o avviare la manutenzione del Palazzetto dello Sport, della Piscina Comunale o di Piazza Agorà. Se è preferibile continuare a buttare i soldi nell’Unione NET o uscirne definitivamente, cosa che chiediamo da anni, e abbattere il carrozzone o dare lavoro ai borgaresi in difficoltà” commentano i tre esponenti del Gruppo. “I nostri emendamenti sono stati tutti bocciati, evidentemente perché la maggioranza ha interessi diversi dalla tutela dei cittadini. Ma noi saremo sempre qui a combattere con e per i borgaresi: come abbiamo fatto, tra le altre cose, per riportare i vigili a casa, per abbattere le spese della neve e per far cambiare la gestione del verde pubblico. Con buona pace di chi continua a cercare di sminuire il nostro operato. E ciò a prescindere dal solito auto elogio della maggioranza che tanto dice, ma che in 3 anni di mandato nulla ha fatto“.


Commenti

commenti