Circonvallazione Venaria-Borgaro: Forza Italia chiede più contrasto alle discariche abusive


Questa mattina, complice anche l’imminente G7 che si svolgerà a Venaria Reale e a un’ordinanza della Vicesindaco Federica Burdisso, la Città Metropolitana è intervenuta per ripulire l’area dai rifiuti abbandonati. Ma occorrono soluzioni condivise per risolvere il problema all’origine.

di Giada Rapa

Borgaro/Venaria/Caselle – Stamattina, presso la sede del centro destra di zona in via Cravero 50, a Caselle, si è svolta una conferenza stampa convocata dalla consigliera regionale di Forza Italia Claudia Porchietto in merito alle condizioni di assoluto degrado in cui verte la Circonvallazione Venaria-Borgaro. Un incontro che ancora prima di svolgersi, complice anche il G7 che si svolgerà a fine mese nella città reale, ha avuto il potere di far intervenire il personale della Città Metropolitana a ripulire la zona dai rifiuti abbandonati, dopo circa un anno e mezzo di continue richieste di intervento da parte del Comune di Borgaro.

“Non stiamo parlando di qualche sacco di immondizia abbandonato – ha sostenuto Porchietto – ma di tonnellate di rifiuti che non contribuiscono a dare un buon biglietto da visita al nostro territorio, soprattutto in vista del G7. Sapevamo che questo problema sarebbe stato momentaneamente risolto in vista di questo evento internazionale, ma occorrono misure definitive. Attualmente ci troviamo ad affrontare una situazione disastrosa, sia per quanto riguarda la sicurezza, sia per il decoro, e purtroppo in questo momento non c’è attenzione e rapporto tra gli amministratori locali e la Città Metropolitana. È importante – ha continuato la consigliera regionale di Forza Italia – smetterla di nascondersi dietro la mancanza di fondi. Si possono ri-attuare i piani di pubblica utilità, ovvero progetti che permettono, anche a soggetti privati, di attivare programmi su vari temi, come la pulizia, impiegando persone che temporalmente non hanno un lavoro, per effettuare un monitoraggio e una mappature delle zone più sensibili a episodi di delinquenza. Inoltre occorre puntare sulla video-sorveglianza perché il degrado crea ulteriore degrado. Dobbiamo pensare a un progetto pilota a medio lungo termine– ha concluso Porchietto – capace di aggredire il problema e stimolare il lavoro di squadra tra le istituzioni”.

A sorpresa, si è presentata alla conferenza anche la Vicesindaco di Borgaro Federica Burdisso. “Dall’aprile 2016 – ha spiegato – il nostro Comune ha già effettuato 5 sopralluoghi nel piazzale della Circonvallazione al km 1, dove abbiamo anche riscontrato la presenza di rifiuti pericolosi. La prima volta, con un impegno economico di circa 4mila euro, abbiamo ripulito completamente l’area a spese nostre grazie anche alla collaborazione di SMAT. I rifiuti si sono riaccumulati quasi subito e nonostante le continue richieste la Città Metropolitana ci ha ignorato. Abbiamo più volte chiesto di chiudere completamente l’area, dal momento che è stato appurato che non si tratta di una piazzola di sosta, ma di un’area di accesso ai pozzi SMAT che la società ha dichiarato di non utilizzare. Il nostro ultimo sopralluogo è stato effettuato ad aprile di quest’anno e la nostra e-mail inoltrata con la relazione è stata letta da chi di dovere soltanto a giugno. Ci siamo anche offerti di installare foto-trappole a carico del Comune di Borgaro a seguito di un accordo sulla riscossione delle multe, ma siamo stati inascoltati. Sul territorio borgarese, per esempio, il problema dell’abbandono dei rifiuti è stato risolto con controlli capillari e sanzioni che hanno introitato 10mila euro.  Il 3 agosto abbiamo deciso di emettere un’ordinanza, chiedendo con urgenza alla ex provincia, nel termine di 30 giorni, di procedere alla rimozione dei rifiuti accumulati.

Presenti all’incontro anche il consigliere comunale di centro destra di Caselle Andrea Fontana, l’ex consigliere della Lega  Massimiliano lTurra, i sindaci di Fiano e Vallo Luca Casale e Alberto Colombatto, l’assessore di Lanzo Giuseppe Vianzone e Luigi Tinozzi consigliere di Venaria.

 

 


Commenti

commenti