Borgaro: sulle condizioni del Palazzetto dello Sport e sul Bacino 16 i grillini attendono risposte


Le interrogazioni dovevano essere discussa nel Consiglio Comunale del 31 luglio, ma sono stata rimandata per motivi di tempo. Il caso degli oltre 13 mila euro che il Comune deve versare al consorzio per rimborso di spese legali.

di Giada Rapa

Cinzia Tortola

Borgaro – Tra le interrogazioni previste nell’ultimo Consiglio Comunale, tenutosi il 31 luglio, si sarebbero dovute discutere anche quelle sulle condizioni del Palazzetto dello Sport e sul rimborso delle spese legali di dipendenti e amministratori del Consorzio di Bacino 16, entrambe promosse dai consiglieri del Movimento 5 Stelle Cinzia Tortola e Alessandro Carozza. Tuttavia, per motivi di tempo, questo atti non sono stati discussi, portando così i pentastellati a richiedere all’amministrazione risposta scritta, almeno per quanto riguarda il rimborso delle spese legali.

La vicenda è la seguente. Nel 2012 il Consorzio di Bacino 16 indice una gara al fine di selezionare un socio privato per Seta spa. Alcuni funzionari e amministratori responsabili dello svolgimento del provvedimento sono però stati coinvolti in un procedimento legale nei loro confronti con l’ipotesi di reato di turbativa d’asta. “Il tutto si conclude nel 2016 con la sentenza di assoluzione del Tribunale di Torino per tutti gli imputati” spiegano i consiglieri grillini. “Ma la storia non finisce qui, anzi ne inizia subito un’altra. Il Consorzio di Bacino 16 riceve la richiesta di rimborso di tutte le spese legali sostenute dai funzionari e amministratori coinvolti per il modico importo complessivo di 228.000 euro”.

Dopo avere valutato la legittimità della richiesta, il parere dei legali consultati ha dato risposta positiva, precisando che il rimborso può essere effettuato “solo nell’ipotesi in cui si provveda alla verifica di congruità delle parcelle tramite il vaglio delle stesse da parte dell’Ordine degli Avvocati nonché che sia avviata la procedura di verifica di ammissibilità delle richieste di rimborso avanzate. (…) Nonostante le precisazioni prudenziali dello Studio Legale, di cui non sappiamo nulla, il 7 dicembre 2016 il Consorzio di Bacino 16 invia ai comuni soci la richiesta di contributo straordinario di 1 euro ad abitante a seguito della delibera del Consiglio di Amministrazione del Consorzio fatta il 28 novembre 2016”.

In tutta questa situazione, lamentano Tortola e Carozza, il Comune di Borgaro non è intervenuto e nulla è stato fatto. “Probabilmente l’intenzione è di far passare tutto in sordina, meglio continuare a organizzare eventi festosi così la gente non si fa tante domande. E a noi quanto costa tutta questa vicenda? Esattamente 13.605 euro – sostengono i pentastellati – calcolati su 13.605 abitanti (mappanesi compresi, ndr). Certo, un euro per abitante sembra una sciocchezza, ma con 13.000 si poteva fare altro” concludono i consiglieri, sottolineando che sarà loro cura condividere con i cittadini le risposte che verranno fornite dall’amministrazione.


Commenti

commenti