San Francesco: buon successo per la festa dell’Assunta e di San Rocco


Circa 200 le persone che hanno partecipato al pranzo di Ferragosto. Partita una raccolta fondi per racimolare soldi da destinare alla manutenzione della facciata esterna della chiesetta.

dalla Redazione

San Francesco al Campo – “Gli interventi del Comune relativi all’area esterna della chiesa dell’Assunta inizieranno contestualmente alla realizzazione del nuovo marciapiede. Non conosciamo ancora la data d’inizio del cantiere”. Così Noemi Castagneri, una delle promotrici della Festa dell’Assunta e di San Rocco, svoltasi da domenica 13 a giovedì 17 agosto, a cura del comitato festeggiamenti Borgata Madonna. Martedì 15 e mercoledì 16 agosto sono state le due giornate principali a cui hanno presenziato, a entrambe le messe e processioni, i priori Giacomo Ballesio e Gabriella Cevario.

Come consuetudine, ci si è ritrovati sotto il capannone di via Torino per poi recarsi alla cappella accompagnati dal Sindaco Sergio Colombatto. Nella giornata di Ferragosto sono stati circa 200 i commensali. Per rispettare le direttive sulla sicurezza e l’ordine pubblico, impartite recentemente dal Ministero dell’Interno, si è provveduto a chiudere una parte di via Torino. Il comandante della Polizia Municipale Carlo Mura, dopo aver indicato le corsie alternative in via dell’Assunta e Militare, ha presenziato nelle giornate di maggior afflusso di traffico. Commenta Giorgio Candelo, consigliere comunale con delega alle manifestazioni: “Grazie ai vigili urbani e ai carabinieri si è riusciti a far rispettare le misure di sicurezza che consistevano nella chiusura di via Torino, limitatamente all’area di fronte alla cappella. Ringraziamo anche i volontari della Protezione Civile Base Luna per aver svolto il servizio di parcheggio”. Come ogni anno era attivo il banco di beneficenza. “ I soldi raccolti – conclude Castagneri – andranno a favore della manutenzione straordinaria della chiesetta. Per il rifacimento della facciata esterna, infatti, servono circa 30 mila euro”.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio